Una torre che sfrutta le correnti ascensionali per alimentare oltre 100mila case

 

 

Una torre che sfrutta le correnti ascensionali per alimentare oltre 100mila case

Nel caldissimo deserto dell'Arizona (Stati Uniti) sta per essere costruita una torre solare a corrente ascensionale che sarà in grado di fornire energia elettrica a oltre 100mila abitazioni solo attraverso lo sfruttamento dell'aria calda.
La torre, che sarà alta 800 metri, è stata progettata dall'australiana EnviroMission e sfrutterà esclusivamente le correnti d'aria calda che salgono dal suolo circostante per azionare la bellezza di trentadue turbine in grado di produrre ogni giorno 200 MegaWatt di elettricità.
Ma di interessante c'è anche il fatto che, a differenza degli altri impianti che funzionano grazie al sole, la torre sarà in grado di produrre energia elettrica anche di notte in quanto il calore emanato dal terreno è sempre disponibile.
Certo, il costo dell'impianto non è proprio a buon mercato (per la costruzione si parla di qualcosa come circa 750 milioni di dollari), ma dal momento che la risorsa per farlo funzionare (ovvero l'aria calda) non si paga, i costi operativi saranno molto contenuti, oltre al fatto che, a detta dei progettisti, la torre dovrebbe avere una vita minima di almeno 80 anni, quindi tutto il tempo per ammortizzare quest'ingente investimento.
Sul fronte, poi, dell'impatto che avrà dal punto di vista delle emissioni di carbonio dato che sarà costruita in calcestruzzo, materiale non proprio ecologico, in considerazione della quantità di energia pulita che riuscirà a produrre, si parla di un completo azzeramento dell'impronta di carbonio dell'impianto entro i primi 2,5 anni di vita.

Vai all'area video per vedere il filmato





Galleria fotografica

 


 

Argomenti: torre solare corrente ascensionale, energie rinnovabili, produzione energia elettrica pulita, EnviroMission, azzeramento impronta carbonio

 

 

 

 

 

 

 
 

Impronta Ecologica è una testata giornalistica registrata al Tribunale di Parma (Reg. n. 14 del 27/10/2000)

Pubblicità su Impronta Ecologica  |  Comunicati Stampa  |  Redazione  |  Mappa del sito  |  Privacy e Cookie Policy  |  Dati Sociali

2000-2016©Impronta Ecologica

Licenza Creative Commons