Un nuovo potente impianto solare per la città del vizio

 

 

Un nuovo potente impianto solare per la città del vizio

Las Vegas, si sa, è una città che, almeno dal punto di vista dei consumi energetici, non si può certo dire proprio... verde.
D'altro canto i turisti (e sono davvero milioni quelli che frequentano Sin City ogni anno) vogliono divertimento, gioco d'azzardo e tutto il resto 24 ore su 24, 365 giorni all'anno.
Credeteci o no, nonostante questo sfrenato consumismo energetico (e non solo), riuscire ad abbattere la propria impronta di carbonio e il proprio impatto sull'ambiente è un tema che sta a cuore tanto agli amministratori e ai proprietari dei casinò, quanto ai cittadini che abitano la città del gioco d'azzardo.
Su questo fronte diversi sono i progetti in atto a Las Vegas, ultimo dei quali è il Crescent Dunes Solar Energy Project ovvero un gigantesco impianto di produzione di energia solare concentrata da 110 MegaWatt che servirà proprio ad alimentare la Strip, ovvero la strada ai lati della quale sorgono tutti i famosissimi casinò e gli hotel.
Grazie a 10 mila enormi specchi e sfruttando le favorevoli condizioni climatiche, l'impianto dovrebbe riuscire a raccogliere e utilizzare la luce del sole fino a 15 ore al giorno.
L'energia prodotta sarà poi immagazzinata e resa disponibile nelle ore notturne quando a Las Vegas i consumi di elettricità salgono alle stelle.
I lavori di costruzione sono già partiti: l'impianto entrerà in funzione entro la fine della primavera e via via arriverà al pieno regime entro la fine del 2013.
Quando si dice volere è potere...





Galleria fotografica

 


 

Argomenti: energia solare concentrata, impianto energia solare Las Vegas, Crescent Dunes Solar Energy Project

 

 

 

 

 

 

 
 

Impronta Ecologica è una testata giornalistica registrata al Tribunale di Parma (Reg. n. 14 del 27/10/2000)

Pubblicità su Impronta Ecologica  |  Comunicati Stampa  |  Redazione  |  Mappa del sito  |  Privacy e Cookie Policy  |  Dati Sociali

2000-2016©Impronta Ecologica

Licenza Creative Commons