Un carica batterie a manovella per i cellulari e i gadget elettronici

 

 

Un carica batterie a manovella per i cellulari e i gadget elettronici

E se potessimo ricaricare le batterie dei nostri cellulari, smartphone e dei numerosi gadget elettronici di cui ci amiamo circondare ogni giorno semplicemente azionando una piccola dinamo a manovella?
L'idea è venuta ad un'azienda americana la Eton Corporation che, a quanto pare, l'ha messa in pratica pensando più che alla vita di tutti i giorni, alle situazioni estreme di calamità naturale come, ad esempio, il recente uragano Sandy che si è abbattuto sulla costa est degli Stati Uniti e che, per diversi giorni, ha tagliato fuori dalla possibilità di comunicare molte persone che non avevano accesso alla rete elettrica e, di conseguenza, non potevano ricaricare i propri telefoni cellulari.
Il carica batterie a manovella si chiama BoostTurbine e, in buona sostanza, è una dinamo azionata a mano, certo molto più sofisticata di quelle che vediamo applicate alle ruote delle biciclette per azionare le luci visto che deve dare corrente ad apparecchi molto tecnologici (e costosi!) e non li deve in alcun modo danneggiare.
La BoostTurbine è realizzata in alluminio, è abbastanza piccola da stare in una tasca (a proposito: la manovella si richiude su sé stessa per occupare meno spazio) e un led indica il livello di carica della batteria interna.
Ovviamente è dotata di porte USB e micro USB per poter alimentare qualsiasi (o quasi) gadget elettronico.
È disponibile in diversi colori e ce ne è una col logo della Croce Rossa Americana.
Al momento si può solo pre-ordinare online al costo di 60 dollari.





Galleria fotografica

 


 

Argomenti: caricabatterie manovella, caricare batterie cellulari, caricabatterie ecologico

 

 

 

 

 

 

 
 

Impronta Ecologica è una testata giornalistica registrata al Tribunale di Parma (Reg. n. 14 del 27/10/2000)

Pubblicità su Impronta Ecologica  |  Comunicati Stampa  |  Redazione  |  Mappa del sito  |  Privacy e Cookie Policy  |  Dati Sociali

2000-2016©Impronta Ecologica

Licenza Creative Commons