Turismo sostenibile: la Cina copia il modello toscano

 

 

Turismo sostenibile: la Cina copia il modello toscano

A Pechino è stato siglato un importante accordo per lo sviluppo del turismo sostenibile tra Cristina Scaletti, assessore regionale toscano al turismo e presidente di Necstour, Antonio Tajani, vicepresidente della Commissione Europea, e Dai Bin, presidente dell'Agenzia per il turismo del governo cinese.

Con quest'accordo, due province cinesi meridionali, Hunan dove vivono 69 milioni di abitanti e Yunnan dove abitano in 42 milioni, e una settentrionale, Shanxi dove vivono 26 milioni di cinesi, hanno adottato in via sperimentale il modello toscano di turismo sostenibile.

La Scalletti ha così commentato: "Per rete Necstour, che raggruppa trenta regioni europee impegnate a elaborare e attuare progetti di turismo sostenibile e per la Toscana in particolare, si tratta di una grande opportunità per intraprendere progetti comuni con una realtà mondiale in forte espansione economica, popolata da 1,3 miliardi di abitanti, che ha il problema di conciliare lo sviluppo e la pressione turistica con la salvaguardia dell'ambiente. Noi stiamo lavorando da tempo allo studio dell'impatto dei trasporti, dei consumi di acqua ed energia e in generale sugli effetti della pressione turistica sul nostro territorio e il governo cinese si è mostrato interessato a conoscere i risultati raggiunti e ad adottare il modello di turismo sostenibile che in questo momento stanno sperimentando cinquanta comuni in Toscana".

Basti pensare che la Cina abbia circa 300 milioni di potenziali turisti rappresenta un'importante opportunità per l'Europa che con i suoi 480 milioni di arrivi l'anno è la prima meta turistica mondiale. La Toscana, in particolare, sta sviluppando da alcuni mesi un proprio "Progetto Cina" per conquistare il turismo cinese per il quale è già stata fatto un primo test di prova con una miniserie di documentari dal titolo "Sotto il sole di Toscana" che sono stati trasmessi su una tv nazionale. A quanto sembra i telespettatori cinesi sono rimasti entusiasti tanto che la tv della provincia di Guandong ha programmato di girare in Toscana altre quattro puntate dedicate alla gastronomia regionale.





Galleria fotografica

 


 

Argomenti: ecoturismo, turismo sostenibile, turismo responsabile, agriturismi, biohotel, ecovillaggi, vacanze sostenibili, impronta ecologica

 

 

 

 

 

 

 
 

Impronta Ecologica è una testata giornalistica registrata al Tribunale di Parma (Reg. n. 14 del 27/10/2000)

Pubblicità su Impronta Ecologica  |  Comunicati Stampa  |  Redazione  |  Mappa del sito  |  Privacy e Cookie Policy  |  Dati Sociali

2000-2016©Impronta Ecologica

Licenza Creative Commons