TV, Internet e i videogiochi mettono in serio rischio la biodiversità

 

 

TV, Internet e i videogiochi mettono in serio rischio la biodiversità

A lanciare l'allarme il Segretario Esecutivo delle Nazioni Unite per le biodiversità, Ahmed Djoghlaf, il quale afferma che l'attrazione dei giovani per la televisione, Internet, i videogiochi e le altre forme d'intrattenimento virtuale sta rendendo sempre più difficile proteggere la biodiversità del pianeta.
Il motivo? Perché molti giovani non entrano mai in contatto con la Natura, così che non possono capire il valore della protezione degli ecosistemi e delle specie.
"I nostri figli stanno dietro solo ai loro computer, ai loro sms, ai loro videogiochi e guardano solo la televisione, vivono in un mondo virtuale e per questo hanno bisogno di ri-connettersi con la natura", ha detto Djoghlaf.
E ha anche aggiunto: "I giovani non sanno come una patata si coltiva, la vedono semplicemente come un prodotto su uno scaffale del supermercato".
Ad avvalorare questa triste tendenza alcune ricerche secondo le quali nei Paesi sviluppati il 95% dei bambini passano il loro tempo libero solo davanti alla TV o al computer, e solo un 5% lo passa all'aperto.
In buona sostanza ciò che Djoghlaf afferma è che è proprio la mancanza di educazione una delle più pericolose minacce per la conservazione del patrimonio naturale.
"Come si può proteggere qualcosa che non si conosce? Come si può proteggere qualcosa che non si è mai visto?" domanda citando un sondaggio condotto in Europa secondo il quale il 60% della popolazione non conosce il significato della parola "biodiversità".





Galleria fotografica

 


 

Argomenti: tecnologie mettono a rischio biodiversità, mancanza educazione ambientale, significato parola biodiversità

 

 

 

 

 

 

 
 

Impronta Ecologica è una testata giornalistica registrata al Tribunale di Parma (Reg. n. 14 del 27/10/2000)

Pubblicità su Impronta Ecologica  |  Comunicati Stampa  |  Redazione  |  Mappa del sito  |  Privacy e Cookie Policy  |  Dati Sociali

2000-2016©Impronta Ecologica

Licenza Creative Commons