Sofisticate telecamere collegate al satellite aiuteranno i ranger kenioti nella lotta al bracconaggio

 

 

Sofisticate telecamere collegate al satellite aiuteranno i ranger kenioti nella lotta al bracconaggio

Forse non tutti sanno che, in Kenya, ogni 11 ore viene ucciso un rinoceronte.
Un dato agghiacciante che ha portato la specie a ridursi, in poco più di quarant'anni, dai 20 mila esemplari del 1969 agli appena 500 di oggi.
Orbene, nel difficile tentativo di evitare l'estinzione di questi e di altri animali a rischio, i ricercatori del Cambridge Consultants hanno sviluppato per la Zoological Society di Londra, in collaborazione con il Kenya Wildlife Service, un sistema di sofisticate telecamere che, collegate alla rete satellitare Iridium, permetterà di monitorare quelle zone della savana dove gli animali più facilmente si radunano (ad esempio le oasi dove si vanno ad abbeverare) sia per controllarli, sia per prevenire le attività di bracconaggio.
Le telecamere, dotate di un sistema a infrarossi che consente il loro utilizzo anche nelle ore notturne, sono programmate per scattare ogni giorno 30 foto dell'area in cui sono installate, ma non appena rilevano un movimento possono scattarne diverse in sequenza.
Non solo: sono anche equipaggiate con un sensore che rileva le vibrazioni di un motore di un veicolo in avvicinamento o anche il suono di uno sparo di un'arma da fuoco.
Ovviamente dovendo essere collocato nella selvaggia savana, l'intero sistema di telecamere è in grado di resistere alle peggiori condizioni atmosferiche e ben si mimetizza con l'ambiente circostante per non disturbare gli animali, ma anche per non essere facilmente individuato dai bracconieri.
"Questa tecnologia - afferma Patrick Omondi, vice direttore di Kenya Wildlife Service - ci permetterà di fare un significativo passo in avanti nel nostro lavoro di salvaguardia delle specie in via di estinzione. Al momento attuale gestiamo appena l'8% del territorio della savana kenyota, per cui queste telecamere saranno fondamentali per aiutarci a monitorare il benessere di animali rari e di garantire loro il miglior habitat possibile proteggendoli al tempo stesso dalle attività di bracconaggio".
Per questo progetto la Cambridge Consultants ha ricevuto sovvenzioni da Google e il Royal Wedding Charitable Gift Fund tramite il Duca e la Duchessa di Cambridge.





Galleria fotografica

 


 

Argomenti: lotta bracconaggio, bracconaggio kenya, specie animali via estinzione, salvaguardia rinoceronti

 

 

 

 

 

 

 
 

Impronta Ecologica è una testata giornalistica registrata al Tribunale di Parma (Reg. n. 14 del 27/10/2000)

Pubblicità su Impronta Ecologica  |  Comunicati Stampa  |  Redazione  |  Mappa del sito  |  Privacy e Cookie Policy  |  Dati Sociali

2000-2016©Impronta Ecologica

Licenza Creative Commons