Soccket Ball, il pallone che produce energia

 

 

Soccket Ball, il pallone che produce energia

Anche a chi non ama o segue il calcio piacerà questo pallone: si chiama Soccket Ball e ha qualcosa di davvero speciale al suo interno, ovvero uno speciale meccanismo che sfrutta l'energia cinetica generata durante il gioco per produrre elettricità e immagazzinarla così da renderla successivamente disponibile.
Sviluppato da un gruppo di ex studenti dell'Università di Harvard (nello stato del Massachusetts, Stati Uniti), la Soccket Ball calciata e maltrattata (si fa ovviamente per dire) per 30 minuti arriva a generare abbastanza energia elettrica per alimentare per tre ore una lampadina a led.
Un'idea davvero furba che offre un'alternativa ecologica alle fonti d'energia assolutamente ad alto rischio e inaffidabili (come ad esempio le lampade a gas o cherosene) spesso utilizzate nelle comunità più povere nei Paesi in via di sviluppo.
Il magico segreto della Soccket Ball è al suo interno: si tratta di un piccolo generatore a pendolo che sfrutta l'energia cinetica del rotolamento del pallone sul campo da gioco per produrre energia che viene immagazzinata in una batteria ben protetta all'interno con una morbida schiuma che ne assorbe i colpi, dall'esterno con una membrana che impedisce all'acqua di entrare in contatto.
La Soccket Ball è già stata sperimentata in alcune aree povere del Nord e del Sud America.
Ora invece per gli inventori è tempo di passare ai fatti: dopo questi test, il team ha preso coraggio e deciso di mettere in produzione il magico pallone lanciando una campagna di raccolta fondi su Kickstarter grazie ai quali si spera di reperire le risorse economiche per l'acquisto delle attrezzature necessarie.
Se anche tu vuoi contribuire al progetto clicca qui.





Galleria fotografica

 


 

Argomenti: pallone calcio produrre energia, Soccket Ball, energia cinetica pallone

 

 

 

 

 

 

 
 

Impronta Ecologica è una testata giornalistica registrata al Tribunale di Parma (Reg. n. 14 del 27/10/2000)

Pubblicità su Impronta Ecologica  |  Comunicati Stampa  |  Redazione  |  Mappa del sito  |  Privacy e Cookie Policy  |  Dati Sociali

2000-2016©Impronta Ecologica

Licenza Creative Commons