Scienziati britannici producono idrogeno dalle acque reflue senza utilizzare energia elettrica

 

 

Scienziati britannici producono idrogeno dalle acque reflue senza utilizzare energia elettrica

Gli scienziati della Newcastle University (in Gran Bretagna) in collaborazione con la società Northumbrian Water hanno creato un processo per produrre idrogeno che utilizza i microbi presenti negli impianti di trattamento delle acque reflue.
La cosa più interessante di questo progetto è che i ricercatori sono riusciti a eliminare completamente la necessità di energia elettrica sia nel trattamento delle acque reflue, sia nella produzione del gas.
Il segreto sta nella particolare cella di carbonio (denominata Microbial Fuel Cell) che favorisce la crescita microbica che svolge la scissione degli atomi di idrogeno e ossigeno.
Quando le acque reflue vengono fatte passare attraverso la cella, i microbi scindono gli elettroni dagli ioni così che i primi, trasferiti all'anodo, producono elettricità, mentre gli ioni di idrogeno raggiungono il catodo.
Detta così sembra tutto molto semplice.
In realtà i ricercatori stanno ancora studiando come catturare l'idrogeno che viene prodotto, ma le aspettative sono decisamente molto alte tanto che sono fiduciosi nel riuscire a completare a breve un sistema a ciclo chiuso di trattamento dei liquami che al tempo stesso produce anche energia.





Galleria fotografica

 


 

Argomenti: acque reflue, produzione idrogeno, idrogeno acque reflue, Microbial Fuel Cell

 

 

 

 

 

 

 
 

Impronta Ecologica è una testata giornalistica registrata al Tribunale di Parma (Reg. n. 14 del 27/10/2000)

Pubblicità su Impronta Ecologica  |  Comunicati Stampa  |  Redazione  |  Mappa del sito  |  Privacy e Cookie Policy  |  Dati Sociali

2000-2016©Impronta Ecologica

Licenza Creative Commons