Scenari: e se fra dieci anni non ci fosse piu' cibo per tutti?

 

 

Scenari: e se fra dieci anni non ci fosse piu' cibo per tutti?

Sarà colpa dell'incremento demografico o anche a causa dei cambiamenti climatici, ma secondo uno studio della Universal Ecological Fund sembrerebbe che già nel 2020 il nostro Pianeta non sarebbe in grado di produrre il cibo necessario a sfamare tutta la popolazione.

I ricercatori americani, infatti, affermano che a causa dell'aumento del numero di abitanti che dovrebbe toccare quota 7,8 miliardi e dell'innalzamento della temperatura media di quasi 2,4 gradi, mancherà il 14% del grano (pari a qualcosa come circa 109 milioni di tonnellate), l'11% del riso e il 9% del mais e con la logica conseguenza che i prezzi di tali alimenti potrebbe scizzare alle stelle con incrementi anche del 20% rispetto a quelli odierni.

Unica eccezione, invece, che non risentirà di questi cambiamenti climatici sarà la produzione di soia.

Ma si può fare qualcosa per contrastare questa tendenza? Secondo i ricercatori la risposta è sì, ma si deve intervenire subito sia riducendo le emissioni dei gas serra sia mutando le abitudini e le diete alimentari portando la gente a consumare prodotti più resistenti al caldo (come ad esempio, i legumi) e pur sempre proteici.





Galleria fotografica

 


 

Argomenti: ecologia, ambiente, sostenibilità, energie rinnovabili, risparmio energetico, edilizia sostenibile, fotovoltaico, biomasse, impronta ecologica

 

 

 

 

 

 

 
 

Impronta Ecologica è una testata giornalistica registrata al Tribunale di Parma (Reg. n. 14 del 27/10/2000)

Pubblicità su Impronta Ecologica  |  Comunicati Stampa  |  Redazione  |  Mappa del sito  |  Privacy e Cookie Policy  |  Dati Sociali

2000-2016©Impronta Ecologica

Licenza Creative Commons