Rifiuti tessili, in Italia solo il 12% viene riciclato

 

 

Rifiuti tessili, in Italia solo il 12% viene riciclato

Nonostante tutto, sembra che in Italia il riciclo non sia ancora una pratica così ben seguita, almeno sul fronte dei rifiuti tessili.
A dirlo, in occasione del convegno Use&Reuse svoltosi recentemente a Roma, è Patrizia Ferri, Segretario Generale di Assosistema che rappresenta le imprese che operano nel settore della sicurezza sui luoghi di lavoro e dei dispositivi tessili e medici, secondo cui nel 2012 "nel nostro Paese sono state raccolte in maniera differenziata 99.900 tonnellate di rifiuti tessili, circa 1,6 chilogrammi pro capite, pari al 12% del totale riciclabile. Un dato nettamente inferiore alla media europea, soprattutto se si considera che il consumo di prodotti tessili si assesta annualmente sui 14 chilogrammi a persona".
Per capire meglio i numeri basta il raffronto con la verde Svizzera dove si ricicla ben il 50% dei rifiuti tessili.
Eppure, come dimostra una ricerca condotta dall'Istituto Ambiente Italia, il riciclo dei prodotti tessili può determinare vantaggi sul piano ambientale decisamente migliori di qualsiasi altro prodotto alternativo: il tessile riutilizzabile può contribuire a una riduzione del 53% del riscaldamento globale, del 45% di ossidazione fotochimica (ovvero di smog) e del 95% di eutrofizzazione (ovvero l'eccessivo accrescimento degli organismi vegetali come le alghe che contribuiscono a degradare l'ambiente rendendolo asfittico) delle acque.





Galleria fotografica

 


 

Argomenti: riciclo rifiuti tessili, riciclare abiti, solo 12% rifiuti tessili viene riciclato in Italia

 

 

 

 

 

 

 
 

Impronta Ecologica è una testata giornalistica registrata al Tribunale di Parma (Reg. n. 14 del 27/10/2000)

Pubblicità su Impronta Ecologica  |  Comunicati Stampa  |  Redazione  |  Mappa del sito  |  Privacy e Cookie Policy  |  Dati Sociali

2000-2016©Impronta Ecologica

Licenza Creative Commons