Ricercatori tedeschi trovano il modo per raddoppiare l'efficienza delle celle solari al silicio nero

 

 

Ricercatori tedeschi trovano il modo per raddoppiare l'efficienza delle celle solari al silicio nero

Nuovo passo in avanti nella tecnologia che riguarda i pannelli solari al silicio nero, il materiale più avanzato, almeno al momento nell'ambito dell'energia fotovoltaica.
Ricercatori del Fraunhofer Institute di Berlino (in Germania), infatti, sono riusciti a raddoppiare l'efficienza delle celle solari costruite con questo materiale "semplicemente" (si fa ovviamente per dire!) abbinando al silicio lo zolfo.
Senza volerci addentrare in aspetti troppo tecnici, si può dire che grazie a questo passaggio le celle solari sarebbero in grado di utilizzare anche gli infrarossi così da sfruttare quasi tutta l'energia del sole.
Le celle solari convenzionali, infatti, trasformano solo tre quarti dell'energia contenuta nello spettro solare in elettricità; il restante quarto, costituito appunto dai raggi infrarossi, non può essere convertito dai tradizionali dispositivi fotovoltaici e viene, dunque, normalmente perso.
Tra l'altro pare che questa tecnologia sia assolutamente semplice da impiegare nella produzione dei pannelli fotovoltaici.
Ma gli ingegneri tedeschi stanno anche lavorando su un altro fronte: se i produttori dovessero dotare le proprie celle solari con questa tecnologia, potrebbero aumentare notevolmente l'efficienza dei pannelli solari, motivo per il quale i ricercatori stanno anche tentando di integrare la loro tecnologia con quella già esistente abbinandola alle linee di montaggio già esistenti.





Galleria fotografica

 


 

Argomenti: pannelli solari silicio nero, efficienza pannelli solari silicio, celle solari silicio nero

 

 

 

 

 

 

 
 

Impronta Ecologica è una testata giornalistica registrata al Tribunale di Parma (Reg. n. 14 del 27/10/2000)

Pubblicità su Impronta Ecologica  |  Comunicati Stampa  |  Redazione  |  Mappa del sito  |  Privacy e Cookie Policy  |  Dati Sociali

2000-2016©Impronta Ecologica

Licenza Creative Commons