Ricercatori americani lanciano l'allarme: l'Adriatico è a rischio collasso

 

 

Ricercatori americani lanciano l'allarme: l'Adriatico è a rischio collasso

Secondo lo studio condotto da ricercatori dell'Università della Florida (Stati Uniti) e recentemente pubblicato sulla rivista scientifica Proceedings of the Royal Society of London B il Mare Adriatico è seriamente a rischio collasso.
L'amara prova provata viene dal confronto dei molluschi dell'area del Delta del Po pescati oggigiorno con quelli del passato (si parla di un campione di oltre 100.000 fossili) che dimostrerebbe, da un lato, come il clima e il livello del mare in Adriatico si siano mantenuti più o meno costanti nel corso degli ultimi 125.000 anni; dall'altro, invece, che le recenti attività dell'uomo hanno provocato importanti e repentini cambiamenti al punto che sette delle dieci specie di molluschi più importanti per questo ecosistema sono oramai quasi del tutto estinte.
"Le informazioni contenute nei fossili – sostiene il paleontologo Michal Kowalewski che ha coordinato lo studio - dimostrano che le attività umane possono alterare anche quegli ecosistemi che finora sono stati immuni dai più grandi cambiamenti climatici naturali avvenuti sul pianeta. Probabilmente stiamo assistendo ad un cambiamento permanente che potrebbe avere conseguenze durature sulla biodiversità della regione, oltre che per la salute complessiva di tutto l'ecosistema marino dell'Adriatico".





Galleria fotografica

 


 

Argomenti: Mare Adriatico rischio collasso, studio molluschi dimostra Mare Adriatico collasso, molluschi rischio estinzione Mare Adriatico, inquinamento Adriatico

 

 

 

 

 

 

 
 

Impronta Ecologica è una testata giornalistica registrata al Tribunale di Parma (Reg. n. 14 del 27/10/2000)

Pubblicità su Impronta Ecologica  |  Comunicati Stampa  |  Redazione  |  Mappa del sito  |  Privacy e Cookie Policy  |  Dati Sociali

2000-2016©Impronta Ecologica

Licenza Creative Commons