Radio Vaticana: nuovi sistemi di trasmissione e meno elettrosmog dovuto al segnale radio

 

 

Radio Vaticana: nuovi sistemi di trasmissione e meno elettrosmog dovuto al segnale radio

Importante svolta di Radio Vaticana che, dal primo luglio prossimo, cesserà le trasmissioni in onde medie e onde corte.
Al di là di un adeguamento di carattere tecnologico per il quale la radio si sta ampiamente muovendo su più fronti, questo significa anche un taglio in ambito di elettrosmog.
"I programmi radiofonici in circa 40 lingue della Radio Vaticana - ha detto il direttore dell'emittente padre Federico Lombardi - sono oggi ritrasmessi da un migliaio di radio locali o regionali in FM e OM in circa 80 Paesi dei cinque continenti. Non solo: le nostre trasmissioni sono già accessibili live su cinque canali web, on demand e in podcast in ogni punto del mondo da cui ci si possa connettere al sito della radio".
"Radio Vaticana - ha aggiunto padre Lombardi - ritiene che sia giunto il tempo in cui sia possibile ridurre l'impegno delle trasmissioni con le tecnologie tradizionali delle onde corte e delle onde medie, trasferendo così risorse in nuove direzioni".
Per questo motivo dal prossimo primo luglio tutte le trasmissioni in onde medie e corte cesseranno per spostarsi su questi altri sistemi di comunicazione per piacere degli ascoltatori che saranno agevolati nell'ascolto e buona pace delle persone che abitano vicino all'imponente centro trasmittente di Santa Maria di Galeria (in provincia di Roma) da cui parte il segnale radio.





Galleria fotografica

 


 

Argomenti: elettrosmog Radio Vaticana, inquinamento radio, stop trasmissioni onde medie Radio Vaticana

 

 

 

 

 

 

 
 

Impronta Ecologica è una testata giornalistica registrata al Tribunale di Parma (Reg. n. 14 del 27/10/2000)

Pubblicità su Impronta Ecologica  |  Comunicati Stampa  |  Redazione  |  Mappa del sito  |  Privacy e Cookie Policy  |  Dati Sociali

2000-2016©Impronta Ecologica

Licenza Creative Commons