Podder, il futuro dei trasporti pubblici di Singapore, pronto per il 2020

 

 

Podder, il futuro dei trasporti pubblici di Singapore, pronto per il 2020

Già altre volte abbiamo parlato di sistemi di trasporto pubblico a misura d'uomo (leggi qui).
Spesso si tratta di progetti che, per quanto interessanti, rimangono al momento solo futuristiche idee sulla carta e il cui sviluppo concreto sembra ancora molto distante.
Questa volta, però, non è così perché nella città di Singapore sembra che facciano sul serio e questo sistema di trasporto denominato Podder entrerà in funzione entro il 2020.
Zelin Ong, il responsabile del progetto, ha ben chiaro lo scenario futuro della città asiatica che, ancora nel prossimo decennio, continuerà a crescere a ritmi elevati sia in termini di estensione che di popolazione, fattori questi che debbono far riflettere già ora le amministrazioni che debbono pensare e lavorare in prospettiva per essere pronte ad offire ai milioni di cittadini trasporti funzionali, intelligenti e dal minor impatto ambientale.
Senza stravolgere quanto fatto sino ad ora, questo Podder utilizzerà le tratte ferroviarie esistenti: questo con ogni probabilità sta ad indicare che i convogli ferroviari dei pendolari saranno sostituiti da migliaia di queste piccole carrozze ultratecnologiche e confortevoli su cui i passeggeri potranno rilassarsi leggendo un libro con l'intensità di luce che più aggrada grazie ad un sistema di controllo dell'illuminazione, ascoltando musica o anche guardando la tv, oppure gustandosi un pasto grazie a un particolare servizio di ristorazione take away.





Galleria fotografica

 


 

Argomenti: trasporti pubblici intelligenti, sistema individuale trasporto pubblico, Podder Singapore

 

 

 

 

 

 

 
 

Impronta Ecologica è una testata giornalistica registrata al Tribunale di Parma (Reg. n. 14 del 27/10/2000)

Pubblicità su Impronta Ecologica  |  Comunicati Stampa  |  Redazione  |  Mappa del sito  |  Privacy e Cookie Policy  |  Dati Sociali

2000-2016©Impronta Ecologica

Licenza Creative Commons