PM10: l'Italia finisce davanti alla Corte di Giustizia Europea

 

 

PM10: l'Italia finisce davanti alla Corte di Giustizia Europea

L'Italia, la Spagna, il Portogallo e Cipro sono stati portati davanti alla Corte di Giustizia dalla Commissione Europea per il mancato rispetto delle norme comunitarie in materia di polveri sottili.
Secondo Bruxelles, infatti, il nostro Paese non ha finora affrontato in modo efficace il problema delle emissioni eccessive di PM10 nonostante che gli Stati membri avrebbero dovuto adeguarsi entro il 2005 alla legislazione europea che stabilisce valori limite alle micro particelle PM10 che non devono essere superati per più di trentacinque volte in un anno.

L'Italia potrebbe avere un'esenzione fino a giugno 2011 solo se dimostra di avere adottato misure per rispettare gli obblighi ma, secondo la Commissione Europea, per quanto riguarda l'Italia le condizioni per concedere la proroga non sono state rispettate e per questo motivo ha dovuto ricorre alla Corte di Giustizia.





Galleria fotografica

 


 

Argomenti: mobilità sostenibile, auto elettriche, biciclette elettriche, auto ibride, emissioni zero, biocarburanti, batterie litio

 

 

 

 

 

 

 
 

Impronta Ecologica è una testata giornalistica registrata al Tribunale di Parma (Reg. n. 14 del 27/10/2000)

Pubblicità su Impronta Ecologica  |  Comunicati Stampa  |  Redazione  |  Mappa del sito  |  Privacy e Cookie Policy  |  Dati Sociali

2000-2016©Impronta Ecologica

Licenza Creative Commons