OGM: 3 italiani su quattro contrari al supersalmone

 

 

OGM: 3 italiani su quattro contrari al supersalmone

Quasi 3 italiani su 4 sono contrari al supersalmone transgenico nel piatto secondo l'indagine Coldiretti/Swg dalla quale emerge che il 72% dei cittadini italiani che esprimono un'opinione ritiene che i prodotti alimentari contenenti organismi geneticamente modificati (ogm) siano meno salutari rispetto a quelli tradizionali.

È quanto afferma la Coldiretti in riferimento alla decisione sull'immissione in commercio di salmoni geneticamente modificati che la Food and Drugs Administration (FDA), ovvero l'organo statunitense competente su farmaci e cibo, ha recentemente preso.

Di fronte ad una escalation nell'applicazione delle biotecnologie al regno animale, con modificazioni genetiche e clonazioni, occorre intervenire tempestivamente - sottolinea la Coldiretti - con un adeguamento delle normative comunitarie per impedire l'importazione di questa preoccupante novità di cui non si sente certamente il bisogno. Il salmone transgenico è un salmone Atlantico, con il dna modificato con quello del salmone Chinhook e del merluzzo, che raggiunge il peso adatto per la vendita in diciotto mesi anzichè in tre anni.





Galleria fotografica

 


 

Argomenti: alimentazione biologica, alimenti biologici, prodotti biologici, bio, agricoltura biologica, ecologia, ambiente, km zero, ogm

 

 

 

 

 

 

 
 

Impronta Ecologica è una testata giornalistica registrata al Tribunale di Parma (Reg. n. 14 del 27/10/2000)

Pubblicità su Impronta Ecologica  |  Comunicati Stampa  |  Redazione  |  Mappa del sito  |  Privacy e Cookie Policy  |  Dati Sociali

2000-2016©Impronta Ecologica

Licenza Creative Commons