Non sapendo che altro copiare in Cina clonano un villaggio austriaco patrimonio dell'UNESCO

 

 

Non sapendo che altro copiare in Cina clonano un villaggio austriaco patrimonio dell'UNESCO

A essere sinceri non sappiamo che giudizio dare a questa notizia, ovvero se facendo un sorrisino comunque di disapprovazione oppure se rimanendo sgomenti in silenzio che spiega tutto.
Accade in Cina, dove i campioni del "copia e incolla" sono riusciti in un'altra nuova impresa fuori dagli schemi: clonare l'intero villaggi di Hallstatt (in Austria), un vero e proprio gioiello protetto dall'UNESCO.
La sua fedele copia si trova a un'ora da Huizhou nella provincia di Guangdong ed è costata appena (si fa ovviamente per dire) 940 mila dollari.
Ma quello che ci ha lasciato sbigottiti che, tra l'annuncio dell'inizio dei lavori e la loro fine, alla società costruttrice (tale China Minmetals Corporation) sono bastati meno di 12 mesi!
Certo, quando fu diramata la notizia il sindaco del paese austriaco Alexander Scheutz si disse preoccupato di quanto sarebbe accaduto.
Col tempo, però, ha dovuto rivedere la sua posizione, non fosse altro perché dai 50 turisti cinesi ospitati nel 2005 si è passati a migliaia quelli che hanno iniziato ad affollare le strade cittadine in un solo mese dall'apertura del clone.
Sebbene quindi il vantaggio economico, tanti altri cittadini del paese austriaci continuano a non approvare la cosa affermando che Hallstatt è semplicemente unica con la sua cultura e le tradizioni e tutto questo non sarà mai possibile da ricopiare.





Galleria fotografica

 


 

Argomenti: paese austriaco clonato, Cina clona paese Austria, Hallstatt

 

 

 

 

 

 

 
 

Impronta Ecologica è una testata giornalistica registrata al Tribunale di Parma (Reg. n. 14 del 27/10/2000)

Pubblicità su Impronta Ecologica  |  Comunicati Stampa  |  Redazione  |  Mappa del sito  |  Privacy e Cookie Policy  |  Dati Sociali

2000-2016©Impronta Ecologica

Licenza Creative Commons