Negli uccelli di Chernobyl il cervello è meno sviluppato

 

 

Negli uccelli di Chernobyl il cervello è meno sviluppato

È alquanto inquietante la notizia diffusa da PLoS ONE, una rivista internazionale pubblicata da un'organizzazione no-profit di scienziati e medici che si sono messi insieme per rendere la letteratura medica e scientifica pubblicamente accessibile, secondo cui i volatili che dimorano nei pressi di Cernobyl avrebbero il cervello più piccolo del 5% rispetto agli altri uccelli che non vivono nei pressi del sito dove, nel 1986, si verificò il terribile disastro nucleare.

La ricerca è stata condotta da ricercatori norvegesi, francesi e americani i quali affermano anche che la differenza di volume cerebrale sia legata - come logico - a ridotte abilità cognitive e che tale differenza è più accentuata negli uccelli più giovani, in particolare in quelli con meno di un anno di vita.

Davvero una notizia preoccupante...





Galleria fotografica

 


 

Argomenti: ecologia, ambiente, sostenibilità, energie rinnovabili, risparmio energetico, edilizia sostenibile, fotovoltaico, biomasse, impronta ecologica

 

 

 

 

 

 

 
 

Impronta Ecologica è una testata giornalistica registrata al Tribunale di Parma (Reg. n. 14 del 27/10/2000)

Pubblicità su Impronta Ecologica  |  Comunicati Stampa  |  Redazione  |  Mappa del sito  |  Privacy e Cookie Policy  |  Dati Sociali

2000-2016©Impronta Ecologica

Licenza Creative Commons