Meno petrolio e piu' batterie ricaricabili

 

 

Meno petrolio e piu' batterie ricaricabili

Alessandro Ortis, presidente dell'Autorità dell'Energia Elettrica e Gas, in un intervento al forum Mobilitytech in corso a Milano ha detto: "Per rendere più economica la fornitura elettrica dobbiamo far sì che il sistema sia sempre meno petrolio dipendente. In questo momento, infatti, il 60% dell'utilizzo del petrolio è assorbito dai trasporti. La questione della mobilità elettrica ci riguarda da vicino. Con essa si svilupperanno sistemi di accumulo, ma alla base c'è sempre il rafforzamento e la competitività del sistema elettrico. La rete elettrica deve essere pronta a ricevere energia dalla microproduzione diffusa dalle rinnovabili. Ma senza reti non si sviluppano le energie rinnovabili, perchè l'eolico, il solare e il geotermico non potrebbero essere sfruttati senza fili elettrici. Lo sviluppo della mobilità elettrica e delle relative green technologies può comportare numerosi benefici, soprattutto può diminuire l'inquinamento nei centri urbani. Per questo per contribuire allo sviluppo abbiamo eliminato alcuni limiti normativi che non consentivano di ricaricare le batterie direttamente nelle abitazioni o in parcheggi condominiali o aziendali".

Ortis, inoltre, sottolinea che, grazie alla modifica introdotta, si potrà richiedere al proprio fornitore di energia elettrica più punti di fornitura, ognuno con un contatore, destinati all'alimentazione di veicoli elettrici e ai punti di ricarica sarà applicata la stessa tariffa di trasporto prevista per altri usi, sia per le famiglie sia per le imprese.





Galleria fotografica

 


 

Argomenti: mobilità sostenibile, auto elettriche, biciclette elettriche, auto ibride, emissioni zero, biocarburanti, batterie litio

 

 

 

 

 

 

 
 

Impronta Ecologica è una testata giornalistica registrata al Tribunale di Parma (Reg. n. 14 del 27/10/2000)

Pubblicità su Impronta Ecologica  |  Comunicati Stampa  |  Redazione  |  Mappa del sito  |  Privacy e Cookie Policy  |  Dati Sociali

2000-2016©Impronta Ecologica

Licenza Creative Commons