Le plastiche biodegradabili fra le cause di dispersione di metano nelle discariche

 

 

Le plastiche biodegradabili fra le cause di dispersione di metano nelle discariche

Un nuovo studio pubblicato sulla rivista scientifica Environmental Science & Technology afferma che, anche se la plastica biodegradabile non si può considerare un rifiuto inquinante, questo materiale contribuisce, nell'ultima fase del suo ciclo di vita, al cambiamento climatico.
Quando, infatti, gli utensili o gli altri oggetti costruiti con questa plastica arrivano alla discarica, i microbi che li ingeriscono emettono grandi quantità di metano che è uno dei più potenti e pericolosi gas serra.
È pur vero che alcune discariche hanno sistemi per "catturare" il metano e per utilizzarlo per produrre energia, ma la maggior parte ancora non ne sono dotate.
Così, mentre noi crediamo che, essendo prive di petrolio e totalmente biodegradabili, queste plastiche non siano un problema per l'ambiente, il loro impatto non è assolutamente trascurabile.
Non vale, dunque, la pena soffermarsi su quale delle due plastiche ("normale" o biodegradabile) sia meglio, perché forse la risposta sta semplicemente nell'utilizzare prodotti che non siano usa e getta, ma riutilizzabili più e più volte.





Galleria fotografica

 


 

Argomenti: platica biodegradabile, Environmental Science & Technology, cambiamenti climatici, metano, gas serra, impatto ambientale

 

 

 

 

 

 

 
 

Impronta Ecologica è una testata giornalistica registrata al Tribunale di Parma (Reg. n. 14 del 27/10/2000)

Pubblicità su Impronta Ecologica  |  Comunicati Stampa  |  Redazione  |  Mappa del sito  |  Privacy e Cookie Policy  |  Dati Sociali

2000-2016©Impronta Ecologica

Licenza Creative Commons