La Francia intende mettere al bando il pesticida responsabile della moria di api

 

 

La Francia intende mettere al bando il pesticida responsabile della moria di api

Il governo di Parigi ha annunciato che intende vietare l'uso del Cruiser OSR, un pesticida prodotto dalla società svizzera Syngenta il quale, stando ai ricercatori, contribuirebbe alla massiccia scomparsa delle colonie di api, un fenomeno oramai planetario conosciuto col nome di Colony Collapse Disorder (CCD) che si è diffuso, a partire dal 2006, dapprima in Nord America ed Europa e poi si è esteso anche nel resto del mondo.
Una vera e propria piaga che, avendo ripercussioni dirette sull'impollinazione, preoccupa sì gli ambientalisti, ma anche (e soprattutto) gli agronomi e gli agricoltori.
In particolare l'Agenzia Nazionale per l'Alimentazione, la Sicurezza e l'Ambiente (ANSES) del Paese transalpino, ha confermato che il Cruiser OSR contiene il thiamethoxam una tossina che agisce sul sistema nervoso degli insetti e che, anche se non provoca direttamente la loro morte, altera le loro funzioni provocando, ad esempio, disorientamento al punto che le api non riescono più a trovare la strada per tornare nella loro colonia.
La conseguenza è, ovviamente, la morte.
Dal canto suo la Syngenta ha contestato questa decisione affermando che i suoi prodotti non abbiano in alcun modo effetti dannosi sulle api.
Ciò nonostante il governo francese ha concesso due settimane all'azienda elvetica per dimostrare definitivamente che il pesticida non ha alcun collegamento con la moria della popolazione di api, in caso contrario il Cruiser OSR sarà tolto definitivamente dal mercato transalpino.





Galleria fotografica

 


 

Argomenti: bando pesticidi moria api, Cruiser OSR, thiamethoxam

 

 

 

 

 

 

 
 

Impronta Ecologica è una testata giornalistica registrata al Tribunale di Parma (Reg. n. 14 del 27/10/2000)

Pubblicità su Impronta Ecologica  |  Comunicati Stampa  |  Redazione  |  Mappa del sito  |  Privacy e Cookie Policy  |  Dati Sociali

2000-2016©Impronta Ecologica

Licenza Creative Commons