L'Isola di Tokelau e' la prima nazione al mondo a energia solare

 

 

L'Isola di Tokelau e' la prima nazione al mondo a energia solare

La remota Isola di Tokelau nell'Oceano Pacifico è ufficialmente la prima Nazione al mondo a soddisfare il proprio fabbisogno energetico solo con l'energia solare.
La popolazione locale di 1.411 persone ha infatti deciso di porre fine alla propria dipendenza da petrolio installando 4.032 pannelli fotovoltaici sui tetti delle case e costruendo poi una centrale fotovoltaica da 1 Gigawatt a cui presto seguirà anche una a biocarburante ottenuto dalle noci di cocco che, in questo Paese, di certo proprio non mancano.
Il progetto, denominato Renewable Energy Project Tokelau (TREP) è un'iniziativa congiunta del governo di Tokelau con quello della Nuova Zelanda che ha concesso finanziamenti per oltre 7 milioni di dollari neozelandesi.
Ad occuparsene una società del Paese dei kiwi, la PowerSmart, che ha dovuto affrontare non pochi problemi tecnico-logistici per il completamento di questa impresa, non solo per un'installazione su larga scala così ampia, ma anche e soprattutto per la collocazione geografica di Tokelau.
Composta da tre atolli corallini, Tokelau si trova, infatti, a metà strada tra la Nuova Zelanda e le Hawaii.
Se poi è vero che ci sono piste d'atterraggio per gli aeroplani, va detto che il tutto il materiale è stato trasferito sulle singole isole su imbarcazioni e chiatte.
Non solo: nonostante queste complicazioni, la PowerSmart ha completato i lavori rispettando sia il budget stanziato sia i tempi stabiliti a dimostrazione che, quando si vuole, davvero si può tutto (o quasi).





Galleria fotografica

 


 

Argomenti: Tokelau, nazione alimentata energia solare, energia fotovoltaica, indipendenza energetica

 

 

 

 

 

 

 
 

Impronta Ecologica è una testata giornalistica registrata al Tribunale di Parma (Reg. n. 14 del 27/10/2000)

Pubblicità su Impronta Ecologica  |  Comunicati Stampa  |  Redazione  |  Mappa del sito  |  Privacy e Cookie Policy  |  Dati Sociali

2000-2016©Impronta Ecologica

Licenza Creative Commons