In casa meglio cambiare aria che profumare

 

 

In casa meglio cambiare aria che profumare

Diversi esperti concordano sul fatto che bruciare incensi o candele profumate in casa è quanto mai dannoso per la salute a causa delle potenziali sostanze altamente tossiche che alcuni di questi prodotti possono emettere.
Tra i rischi, oltre alle malattie del sistema respiratorio come asma, bronchite, rinite, anche mal di gola, mal di testa, stanchezza, nausea, irritazioni, nervosismo fino ad arrivare addirittura al cancro.
Sotto accusa sono gli incensi (nelle diverse forme) e le candele profumate che concorrono ad aggravare il problema qualità dell'aria che è già compromesso nel 40% delle case.
La crociata contro i profumatori casalinghi che il Governo francese ha deciso di adottare a tutela dei propri cittadini conducendo un'indagine approfondita per stabilire quali prodotti debbano essere banditi dal mercato, è stata denominata Plan d'actions sur la qualité de l'air intérieur e intende individuare e censire i prodotti a base d'incenso e le candele che emettono la maggior parte di sostanze tossiche come il particolato, il benzene, la formaldeide, l'acetaldeide e l'acroleina.
Tuttavia, a preoccupare gli esperti francesi non sono soltanto incensi e candele, ma la qualità dell'aria all'interno delle abitazioni che, nel 40% dei casi, è inquinata anche dalla presenza di muffe, di sostanze emesse dalla pittura delle pareti o dalla tappezzeria, dai mobili e dal fumo di tabacco.
Tutte situazioni che aumentano di fatto le concentrazioni di sostanze tossiche che respiriamo regolarmente.





Galleria fotografica

 


 

Argomenti: bando incensi candele profumate, danni salute provocati incensi candele profumate, pericolo incensi candele profumate

 

 

 

 

 

 

 
 

Impronta Ecologica è una testata giornalistica registrata al Tribunale di Parma (Reg. n. 14 del 27/10/2000)

Pubblicità su Impronta Ecologica  |  Comunicati Stampa  |  Redazione  |  Mappa del sito  |  Privacy e Cookie Policy  |  Dati Sociali

2000-2016©Impronta Ecologica

Licenza Creative Commons