In Oregon la prima autostrada al mondo con postazioni di ricarica veloce per le auto elettriche

 

 

In Oregon la prima autostrada al mondo con postazioni di ricarica veloce per le auto elettriche

Si sa, i problemi alla larga diffusione delle auto elettriche sono diversi, ma fra questi due sono quelli che frenano il mercato di questo tipo di veicoli: l'autonomia e il rifornimento di energia per le batterie.
Ma se nel primo caso è un problematica la cui soluzione compete solo alla tecnologia, nel secondo caso si tratta di una questione che può trovare risposta solo con una buona volontà politica.
È così, infatti, che sta avvenendo negli Stati Uniti dove, in un progetto finanziato da American Recovery and Reinvestment Act che coinvolge al momento tre Stati (California, Oregon e Washington) e una società privata (la AeroVironment), lungo un tratto di circa 150 chilometri della Interstate 5 sono state installate le prime postazioni di ricarica che permettono di "fare il pieno" delle batterie in appena 30 minuti.
Ma questo è solo una minima parte del progetto.
L'autostrada verde, infatti, un domani arriverà a collegare San Diego (città più a Sud della California) con Vancouver (in Canada) e, lungo tutto il percorso, oltre alle postazioni di ricarica veloce, gli automobilisti troveranno anche attrezzatissime stazioni di servizio in grado d'effettuare la manutenzione e la sostituzione delle batterie, ma che per gli "altri" automobilisti venderanno carburanti green come biodiesel, gas naturale compresso e idrogeno.





Galleria fotografica

 


 

Argomenti: auto elettrica, autonomia, American Recovery and Reinvestment Act, AeroVironment, postazioni ricarica, manutenzione batterie, carburanti verdi, biodiesel, idrogeno, gas naturale

 

 

 

 

 

 

 
 

Impronta Ecologica è una testata giornalistica registrata al Tribunale di Parma (Reg. n. 14 del 27/10/2000)

Pubblicità su Impronta Ecologica  |  Comunicati Stampa  |  Redazione  |  Mappa del sito  |  Privacy e Cookie Policy  |  Dati Sociali

2000-2016©Impronta Ecologica

Licenza Creative Commons