In Italia la spesa a Km zero e' davvero un successo!

 

 

In Italia la spesa a Km zero e' davvero un successo!

Coldiretti ha presentato la prima indagine sulla "Spesa a Km 0 in Italia" dalla quale è emerso il grande aumento per l'acquisto di cibi locali. Infatti, gli italiani hanno speso più di tre miliardi di euro in un anno per gli acquisti di prodotti a chilometri zero grazie a una rete di 63 mila imprese agricole, 18 mila agriturismi, 500 mercati degli agricoltori di Campagna Amic, 1200 distributori di latte fresco e decine di ristoranti e cooperative.

Questo progetto ha come obiettivo di facilitare il contatto diretto tra consumatori e produzione agricola riducendo così sia le intermediazioni e di conseguenza i costi sia le distanze che deve percorrere il cibo con mezzi spesso inquinanti prima di giungere a tavola con effetti positivi sull'ambiente.

È stato stimato, infatti, che oltre a garantire un risparmio medio del 30% nel prezzo di acquisto a parità di qualità, i prodotti a chilometri zero durano fino a una settimana in più rispetto a quelli tradizionali. Inoltre, il risparmio c'è anche in termini d'impatto ambientale.

Dall'indagine inoltre è stato rilevato che ogni pasto in media percorre circa duemila chilometri, ma se una famiglia consuma prodotti locali, può arrivare ad abbattere fino a mille chili di anidride carbonica l'anno.

Naturalmente l'orientamento alla spesa a chilometri zero è più sentito tra le famiglie con figli. Altro dato interessante è la tipologia di prodotti acquistati in modo diretto: il 44% della spesa riguarda il vino mentre il 22% è per l'ortofrutta.





Galleria fotografica

 


 

Argomenti: alimentazione biologica, alimenti biologici, prodotti biologici, bio, agricoltura biologica, ecologia, ambiente, km zero, ogm

 

 

 

 

 

 

 
 

Impronta Ecologica è una testata giornalistica registrata al Tribunale di Parma (Reg. n. 14 del 27/10/2000)

Pubblicità su Impronta Ecologica  |  Comunicati Stampa  |  Redazione  |  Mappa del sito  |  Privacy e Cookie Policy  |  Dati Sociali

2000-2016©Impronta Ecologica

Licenza Creative Commons