In Italia è boom per gli agricampeggi

 

 

In Italia è boom per gli agricampeggi

In Italia cresce l'offerta degli agricampeggi (ovvero di quelle aree per le soste messe a disposizione all'interno degli agriturismi) che hanno raggiunto quota mille per oltre ottomila piazzole per la sosta.
A dirlo un'indagine elaborata da Terranostra (l'associazione per l'agriturismo, l'ambiente e il territorio di Coldiretti) su dati forniti dall'ISTAT secondo cui, nel nostro Paese, in appena sette anni le aree dedicate a questa forma di turismo sono aumentate di oltre il 50%.
Un fenomeno, quello dell'agricampeggio, in costante crescita soprattutto durante il mese di settembre quando i turisti cercano un contatto più diretto con la natura e il territorio, un approccio grazie al quale si possono conciliare le vacanze all'aria aperta con il gusto di assaporare piatti del posto preparati direttamente dai produttori locali con ingredienti davvero a chilometri zero.
A guidare la classifica regionale dell'offerta più ampia di agricampeggi troviamo Abruzzo, Puglia, Campania e Veneto.





Galleria fotografica

 


 

Argomenti: agricampeggi, vacanze agricampeggio, turismo sostenibile, chilometri zero, vacanza aria aperta, plein air, Coldiretti

 

 

 

 

 

 

 
 

Impronta Ecologica è una testata giornalistica registrata al Tribunale di Parma (Reg. n. 14 del 27/10/2000)

Pubblicità su Impronta Ecologica  |  Comunicati Stampa  |  Redazione  |  Mappa del sito  |  Privacy e Cookie Policy  |  Dati Sociali

2000-2016©Impronta Ecologica

Licenza Creative Commons