In Gran Bretagna riciclare batterie e lampadine diventa un gioco da ragazzi

 

 

In Gran Bretagna riciclare batterie e lampadine diventa un gioco da ragazzi

Sappiamo tutti che le pile e lampadine non vanno buttate nella comune spazzatura, ma è anche vero che trovare le campane o i bidoni di raccolta dove gettarle a volte diventa davvero un'impresa non facile quando addirittura ardua.
Non è un problema solo italiano: anche nel Regno Unito accade lo stesso con la differenza, però, che qualcuno si è ingegnato per trovare una soluzione concreta e comoda.
L'idea è venuta a una società britannica, la reVend Recycling, che da qualche periodo ha avviato l'installazione di alcune macchine automatiche per il recupero delle lampadine e delle batterie usate.
La loro macchina non solo sa distinguere le lampade a incandescenza da quelle led o fluorescenti, ma è anche in grado di dividere le batterie per tipo e produttore in modo che ciascun rifiuto possa essere riciclato nel migliore dei modi e nel giusto impianto di riciclaggio.
I primi test pilota hanno dato risultati così incoraggianti che l'azienda produttrice ha già siglato un accordo con Ikea per installare le loro macchine in tutto il Regno Unito, la Germania e la Danimarca, ma i signori della reVend Recycling sono certi di portare presto la loro invenzione anche in molti altri Paesi dell'Europa così come negli Stati Uniti.





Galleria fotografica

 


 

Argomenti: riciclare batterie lampadine usate, macchina riciclare lampade, reVend Recycling

 

 

 

 

 

 

 
 

Impronta Ecologica è una testata giornalistica registrata al Tribunale di Parma (Reg. n. 14 del 27/10/2000)

Pubblicità su Impronta Ecologica  |  Comunicati Stampa  |  Redazione  |  Mappa del sito  |  Privacy e Cookie Policy  |  Dati Sociali

2000-2016©Impronta Ecologica

Licenza Creative Commons