Il ritorno al futuro della mitica DeLorean

 

 

Il ritorno al futuro della mitica DeLorean

Ricordate la macchina che permetteva a Michael J. Fox di muoversi nel tempo nella saga cinematografica di Ritorno al Futuro?
Si trattava di una "mitica" DeLorean DMC-12, un'auto sportiva che, per molti anni, è stata un'icona per tante generazioni che se la ricordano ancora anche per le sue portiere ad ali di gabbiano.
Bene, oggi la Casa costruttrice, l'americana DeLorean Motor Company, dopo aver superato un periodo decisamente molto burrascoso, torna a riproporre lo stesso modello, ma in chiave moderna ed ecologica presentando la DMC-12 EV (la sigla EV sta per Electric Vehicle).
La nuova DeLorean, dunque, non ènucleare come quella dei film, ma è mossa da un potente motore elettrico capace di erogare l'equivalente di 260 cavalli grazie ai quali "vola" alla velocità di oltre 200 km/h senza emettere un solo grammo di CO2.
Trazione rigorosamente posteriore con controllo di stabilità, batterie al litio montate sul fondo della vettura per abbassare il baricentro e dunque tenerla il più possibile attaccata alla strada, interni in pelle e strumentazione ed elettronica ultramoderna: tutto sulla nuova DMC-12 abbraccia il futuro esattamente come faceva la sua sorella maggiore, sebbene quella fosse frutto solo della fantasia.
Pensate si tratti di uno scherzo? Beh, in casa DeLorean fanno molto sul serio e dicono che la prima serie della DMC-12 EV sarà commercializzata nel 2013 ad un prezzo stimato tra i 90 e i 100 mila dollari.
Non ci resta che attendere...

Vai all'area video per vedere il filmato





Galleria fotografica

 


 

Argomenti: DeLorean elettrica, DeLorean DMC-12 EV, auro Ritorno al Futuro, Michael J. Fox, auto elettrica, emissioni zero, batterie litio auto

 

 

 

 

 

 

 
 

Impronta Ecologica è una testata giornalistica registrata al Tribunale di Parma (Reg. n. 14 del 27/10/2000)

Pubblicità su Impronta Ecologica  |  Comunicati Stampa  |  Redazione  |  Mappa del sito  |  Privacy e Cookie Policy  |  Dati Sociali

2000-2016©Impronta Ecologica

Licenza Creative Commons