Il progetto Cube, ovvero la casa ecologica del futuro

 

 

Il progetto Cube, ovvero la casa ecologica del futuro

Il dottor Mike Page dell'Università irlandese di Hertfordshire si è prefissato un obiettivo ambizioso: quello di costruire una casa ultracompatta in cui una persona possa vivere in modo confortevole con un minimo impatto per l'ambiente.
Ne è così nata Cube, una casa che, in appena 27 metri cubi (misura, infatti, 3 metri di larghezza per 3 di lunghezza e 3 di altezza), è in grado di offrire il comfort e i servizi di cui una persona sola (o anche due) ha bisogno.
Al suo interno trovano spazio, infatti, un salotto con un tavolo e due sedie su misura, un piccolo letto matrimoniale (di appena 120 cm di larghezza), una doccia, una cucina (con frigorifero ad alta efficienza energetica, piano cottura a induzione e cappa, lavello con scolapiatti, forno combinato a microonde e pensili, una lavatrice e una toilette con centro di compostaggio.
L'illuminazione è garantita da luci a led ultra efficienti e ha pavimenti in sughero.
Cube è poi progettata per produrre tanta energia quanto utilizza e fa questo grazie ad alcuni pannelli solari fotovoltaici che sono parte integrante dell'edificio stesso.
Non solo. Gli unici allacciamenti richiesti sono due: uno alla rete elettrica e uno a quello idrica, mentre non è necessario alcun impianto di fognatura grazie ad un particolare impianto di compostaggio.
Il primo prototipo di Cube è stato presentato lo scorso 9 aprile a Edimburgo nell'ambito del Science Festival della città irlandese.

Clicca per vedere il video di Cube





Galleria fotografica

 


 

Argomenti: ecologia, ambiente, sostenibilità, energie rinnovabili, risparmio energetico, edilizia sostenibile, fotovoltaico, biomasse, impronta ecologica

 

 

 

 

 

 

 
 

Impronta Ecologica è una testata giornalistica registrata al Tribunale di Parma (Reg. n. 14 del 27/10/2000)

Pubblicità su Impronta Ecologica  |  Comunicati Stampa  |  Redazione  |  Mappa del sito  |  Privacy e Cookie Policy  |  Dati Sociali

2000-2016©Impronta Ecologica

Licenza Creative Commons