Il modo piu' economico per prevenire i cambiamenti climatici? Basta riflettere nello spazio la luce del sole

 

 

Il modo piu' economico per prevenire i cambiamenti climatici? Basta riflettere nello spazio la luce del sole

Secondo uno studio di tre ricercatori americani, Justin McClellan, David W. Keith e Jay Apt, pubblicato sulla rivista scientifica Environmental Research Letters, riflettendo la luce solare verso lo spazio sarebbe, almeno al momento attuale, il modo più economico per combattere il riscaldamento globale.
In particolare il piano dei tre scienziati consiste nel creare una sorte di nube chimica in grado di riflettere nello spazio la luce del sole.
Un progetto in verità un po' audace e dal costo di 1,5 miliardi di dollari l'anno che consiste nello sparare, in atmosfera fino a circa 30 chilometri sopra la Terra, razzi pieni essenzialmente di zolfo e altre sostanze chimiche.
Stando ai ricercatori, queste sostanze chimiche (almeno in teoria) creerebbero nuvole in grado di riflettere la luce solare lontano dalla terra rallentando così gli effetti del riscaldamento globale.
Sebbene lo scetticismo su questa bizzarra idea sia un atteggiamento piuttosto diffuso, i tre ricercatori non si lasciano prendere dallo sconforto e hanno annunciato che proseguiranno sul fronte degli approfondimenti della loro teoria.
Ad ogni buon conto, in attesa di esiti più certi, sarebbe il caso che da subito facessimo qualcosa di concreto per ridurre drasticamente le quantità di CO2 emesse ogni giorno in atmosfera.
Se poi a questo si aggiungesse anche questa soluzione al problema dell'innalzamento della temperatura terrestre, beh, tanto di guadagnato.





Galleria fotografica

 


 

Argomenti: cambiamenti climatici, soluzioni innalzamento temperatura terrestre, cambiamento clima

 

 

 

 

 

 

 
 

Impronta Ecologica è una testata giornalistica registrata al Tribunale di Parma (Reg. n. 14 del 27/10/2000)

Pubblicità su Impronta Ecologica  |  Comunicati Stampa  |  Redazione  |  Mappa del sito  |  Privacy e Cookie Policy  |  Dati Sociali

2000-2016©Impronta Ecologica

Licenza Creative Commons