Honda sta sviluppando una tecnologia che potrebbe contribuire a evitare gli ingorghi nel traffico

 

 

Honda sta sviluppando una tecnologia che potrebbe contribuire a evitare gli ingorghi nel traffico

Gli ingorghi e il traffico congestionato non solo sono causa dell'aumento della pressione sanguigna e di stress per gli automobilisti che vi si trovano in mezzo, ma sono fonte di un'enorme quantità di inquinamento oltre al fatto che rappresentano un inutile spreco di carburante.
Basti solo dire che un recente studio afferma che, proprio a causa degli imbottigliamenti, solo nel corso del 2010 sono andati letteralmente in fumo qualcosa come otto miliardi di litri di carburante!
Certo il rimedio più efficace al problema sarebbe quello di utilizzare meno la propria automobile preferendo i mezzi di trasporto "alternativi" come quelli pubblici, la bicicletta o anche le proprie gambe.
Sappiamo tutti, però, che certe cattive abitudini sono difficili da abbandonare...
Per questo motivi i ricercatori della Honda stanno lavorando allo sviluppo di una tecnologia che potrebbe aiutare a prevenire gli ingorghi del traffico che considera, innanzi tutto, il comportamento e lo stile di guida delle persone.
È vero che oramai molte automobili sono provviste di navigatori satellitari che, oltre a fornire indicazioni stradali, ci mantengono aggiornati sulla situazione del traffico, ma non è la strada alternativa la soluzione di cui stiamo parlando.
Il progetto della Honda va ben oltre poiché monitora proprio il comportamento degli automobilisti come causa stessa di incidenti, dunque di ingorghi e code.
Sì, ma come? C'è ancora molto riserbo, ma, da quello che è stato comunicato dalla casa giapponese, il loro sistema, sfruttando le informazioni sul traffico, fornirebbe al conducente immediati consigli sullo stile di guida da tenere in termini di velocità, accelerazione, decelerazione o distanza dal veicolo che precede.
Stando alle prime informazioni sui test già effettuati, solo con questi "pochi" accorgimenti si riuscirebbe a incrementare la velocità media dei veicoli del 23%, diminuendo nel contempo il consumo medio di carburante dell'8%.
Con questi risultati, sebbene sia ancora presto per immaginare un effettivo sviluppo su larga scala, possiamo dire che il futuro di questa tecnologia sembrerebbe davvero molto promettente.





Galleria fotografica

 


 

Argomenti: ingorghi, traffico, sistemi di navigazione intelligente, controllo traffico, risparmio carburante

 

 

 

 

 

 

 
 

Impronta Ecologica è una testata giornalistica registrata al Tribunale di Parma (Reg. n. 14 del 27/10/2000)

Pubblicità su Impronta Ecologica  |  Comunicati Stampa  |  Redazione  |  Mappa del sito  |  Privacy e Cookie Policy  |  Dati Sociali

2000-2016©Impronta Ecologica

Licenza Creative Commons