Galapagos, in vigore una nuova normativa per un turismo piu' sostenibile

 

 

Galapagos, in vigore una nuova normativa per un turismo piu' sostenibile

Forse non tutti ricordano che le Galapagos, l'arcipelago d'isole vulcaniche che sorge nell'Oceano Pacifico a mille chilometri circa dalla costa occidentale del Sud America, è stato il luogo dove, nel 1835, Charles Darwin cominciò a elaborare la sua teoria sull'evoluzione della specie.
Un vero e proprio paradiso terrestre per la flora e la fauna che vi dimora che ha fatto la fortuna di esploratori e scienziati e che è valso alle isole il titolo di patrimonio dell'Umanità dell'Unesco.
Orbene, proprio per proteggere il delicato ecosistema il governo dell'Ecuador (a cui appartiene amministrativamente l'arcipelago) ha introdotto, dallo scorso primo febbraio, nuove norme ecologiste che regolamentano il turismo in questo paradiso, in particolare per quanto riguarda quello nautico tanto fatto con piccoli yacht a vela o a motore, quanto con le imponenti navi da crociera.
In pratica, a tutti i natanti è consentito navigare sulla stessa rotta solo ogni quattordici giorni.
L'obiettivo è di ridurre il numero di visitatori su ogni isola e proteggerne il delicato e fragile equilibrio ambientale.
Un grande beneficio per tutti, compresi i turisti, sia quelli di oggi che possono così godere di un'esperienza molto meno affollata e, dunque, più suggestiva, sia quelli di domani per i quali la preservazione dell'arcipelago è fondamentale.
Da noi qui in Italia, invece, le imponenti navi da crociera possono tranquillamente entrare a Venezia o navigare a pochi metri dalla... Costa, che spettacolo!





Galleria fotografica

 


 

Argomenti: regolamentazione crociere Galapagos, norme turismo nautico Galapagos

 

 

 

 

 

 

 
 

Impronta Ecologica è una testata giornalistica registrata al Tribunale di Parma (Reg. n. 14 del 27/10/2000)

Pubblicità su Impronta Ecologica  |  Comunicati Stampa  |  Redazione  |  Mappa del sito  |  Privacy e Cookie Policy  |  Dati Sociali

2000-2016©Impronta Ecologica

Licenza Creative Commons