Entro il 2050 i treni tedeschi andranno solo grazie alle energie rinnovabili

 

 

Entro il 2050 i treni tedeschi andranno solo grazie alle energie rinnovabili

La Deutsche Bahn, ovvero l'operatore ferroviario tedesco, ha annunciato che, entro il 2050, utilizzerà solo energia elettrica prodotta con fonti rinnovabili per muovere tutti i suoi convogli.
Una svolta verde che ha già avuto inizio: al momento la quota di energia pulita per i trasporti su rotaia è del 20% circa, percentuale che dovrebbe salire fino al 28% entro il 2014, e via via così fino raggiungere il 100% alla metà del corrente secolo.
La Germania, dunque, spinge non solo sul fronte delle energie rinnovabili, ma anche sull'adottare una rete di trasporti sempre più sostenibile.
In questo senso il treno rimane uno dei mezzi più ecologici e proprio per questo la rete ferroviaria tedesca verrà presto implementata di nuove tratte.
Un esempio, quello tedesco, che dimostra che l'approvvigionamento energetico pulito è già possibile: basti dire che già nel 2010 le fonti di energia rinnovabili hanno coperto ben il 17% del fabbisogno della Germania (ovvero qualcosa come 100 miliardi di chilowattora), di cui oltre il 70% è stato prodotto grazie al vento e alle biomasse.
Hans-Jürgen Witschke, amministratore delegato di Deutsche Bahn Energie, l'azienda che fornisce l'energia elettrica per i treni della DB, ha dichiarato: "La tutela dell'ambiente è diventato un tema importante in particolare nel settore dei trasporti. Anche se almeno al momento l'energia pulita può costare di più siamo sicuri che la riduzione delle emissioni di CO2 ci darà un vantaggio competitivo in futuro".





Galleria fotografica

 


 

Argomenti: trasporti verdi, treni tedeschi, energie rinnovabili, Deutsche Bahn, Hans-Jürgen Witschke

 

 

 

 

 

 

 
 

Impronta Ecologica è una testata giornalistica registrata al Tribunale di Parma (Reg. n. 14 del 27/10/2000)

Pubblicità su Impronta Ecologica  |  Comunicati Stampa  |  Redazione  |  Mappa del sito  |  Privacy e Cookie Policy  |  Dati Sociali

2000-2016©Impronta Ecologica

Licenza Creative Commons