Entra in attività la più grande centrale a energia solare concentrata del mondo

 

 

Entra in attività la più grande centrale a energia solare concentrata del mondo

È costata la bellezza di 2,2 miliardi di dollari a Google, Nrg Energy e BrightSource Energy e, dopo anni di dispute legali con gli ambientalisti, è finalmente entrata in attività nel deserto del Mojave, nello stato del Nevada (Stati Uniti), la più grande centrale a energia concentrata del mondo.
Ivanpah è un gigantesco impianto con tre torri circondate da 350.000 specchi che convogliano la luce (e il calore del sole) in un unico punto di ciascuna torre così da portare ad ebollizione l'acqua ottenendo il vapore necessario per azionare le turbine e i generatori.
Situato a sud-ovest della città del vizio, Las Vegas, questa centrale produrrà quasi 400 Megawatt, ovvero l'energia equivalente per soddisfare il fabbisogno di 140 mila abitazioni evitando nel contempo la dispersione in atmosfera di 400 mila tonnellate di anidride carbonica.
Eppure nonostante questi numeri, la sua costruzione e messa in funzione non ha trovato tutti d'accordo: secondo il Wall Street Journal, l'energia pulita generata da Ivanpah costerà circa quattro volte di più dell'elettricità prodotta da centrali a gas naturale, oltre al fatto che produrrà anche meno energia rispetto alle fonti convenzionali.
Non solo: molti animalisti sono stati allarmati per il notevole impatto sulla fauna locale in particolare per le migliaia di uccelli che sono già stati uccisi attorno alle torri dove la temperatura che si raggiunge sfiora i 1.000 gradi Fahrenheit (circa 540° Celsius).





Galleria fotografica

 


 

Argomenti: energia solare concentrata, inaugurata centrale energia solare concentrata più grande al mondo, Google energie rinnovabili

 

 

 

 

 

 

 
 

Impronta Ecologica è una testata giornalistica registrata al Tribunale di Parma (Reg. n. 14 del 27/10/2000)

Pubblicità su Impronta Ecologica  |  Comunicati Stampa  |  Redazione  |  Mappa del sito  |  Privacy e Cookie Policy  |  Dati Sociali

2000-2016©Impronta Ecologica

Licenza Creative Commons