Energie rinnovabili: l'Algeria e la sfida allo sfruttamento delle risorse naturali

 

 

Energie rinnovabili: l'Algeria e la sfida allo sfruttamento delle risorse naturali

Sarà a causa dell'esaurimento del petrolio (che secondo alcune previsioni comincerà a farsi sentire verso il 2030), sarà per la maggiore sensibilità verso l'ambiente, sta di fatto che già molti paesi stanno pensando e si stanno muovendo per cercare di soddisfare il proprio fabbisogno energetico liberandosi dagli idrocarburi.

È ciò che sta avvenendo anche in Algeria dove il Ministero dell'Energia ha annunciato un programma estremamente ambizioso in materia di energia solare, eolica e geotermica che affiancherà la centrale ibrida di Hassi R'mel (i cui lavori di costruzione sono stati avviati già nel 2007) che prevede l'impiego del sole e del gas naturale per produrre 180 megawatt di elettricità.

Secondo il Ministro Youcef Yousfi questo nuovo piano "permetterà da qui ai prossimi 20 anni di produrre, a partire dalle energie rinnovabili, la stessa quantità di elettricità prodotta attualmente col gas naturale, di cui il sottosuolo algerino è particolarmente ricco. Si tratta di un programma enorme e di un'enorme sfida e il governo ci sarà per accompagnare ed aiutare gli operatori del settore alla sua messa in opera".

In particolare, tra i progetti in fase di studio c'è una centrale per la produzione di energia solare nel Sahara con una capacità di 150 megawatt.





Galleria fotografica

 


 

Argomenti: ecologia, ambiente, sostenibilità, energie rinnovabili, risparmio energetico, edilizia sostenibile, fotovoltaico, biomasse, impronta ecologica

 

 

 

 

 

 

 
 

Impronta Ecologica è una testata giornalistica registrata al Tribunale di Parma (Reg. n. 14 del 27/10/2000)

Pubblicità su Impronta Ecologica  |  Comunicati Stampa  |  Redazione  |  Mappa del sito  |  Privacy e Cookie Policy  |  Dati Sociali

2000-2016©Impronta Ecologica

Licenza Creative Commons