Energie pulite: i Paesi della UE possono puntare ancora piu' in alto

 

 

Energie pulite: i Paesi della UE possono puntare ancora piu' in alto

Il traguardo è stato stabilito a livello comunitario: entro il 2020 l'Europa dell'Unione mira a raggiungere il 20% del totale del fabbisogno energetico comunitario con energia prodotta da fonti rinnovabili.

Questo lo sappiamo tutti, ma ciò che fa più piacere è che sembra proprio che questo obiettivo possa essere anche rivisto in... aumento. Secondo, infatti, una stima pubblicata dalla Ewea, la lobby dell'industria eolica, i 27 Paesi della UE riusciranno a produrre il 20,7% del loro fabbisogno con le sole fonti rinnovabili.

In particolare, secondo le previsioni di ciascun Stato membro, con la sola energia del vento si potrà coprire il 34% del consumo elettrico europeo arrivando così ad essere la fonte di approvvigionamento energetico più importante.

A seguire, poi, tra le altre fonti energetiche pulite ci saranno l'idroelettrico (che coprirà il 10,5% del fabbisogno), le biomasse (6,6%), il fotovoltaico (2,7%), l'energia solare concentrata detta anche CSP (0,55%), la geotermica (0,3%) e, infine, l'energia oceanica (0,1%).



Vai all'area video per vedere il filmato





Galleria fotografica

 


 

Argomenti: ecologia, ambiente, sostenibilità, energie rinnovabili, risparmio energetico, edilizia sostenibile, fotovoltaico, biomasse, impronta ecologica

 

 

 

 

 

 

 
 

Impronta Ecologica è una testata giornalistica registrata al Tribunale di Parma (Reg. n. 14 del 27/10/2000)

Pubblicità su Impronta Ecologica  |  Comunicati Stampa  |  Redazione  |  Mappa del sito  |  Privacy e Cookie Policy  |  Dati Sociali

2000-2016©Impronta Ecologica

Licenza Creative Commons