Energia elettrica dal calore corporeo? Si può fare!

 

 

Energia elettrica dal calore corporeo? Si può fare!

Avete il cellulare a terra, ma non avete a disposizione un caricabatterie o una presa di corrente? Non c'è problema, perché scienziati della Wake Forest University (North Carolina - Stati Uniti) hanno sviluppato un dispositivo termoelettrico che riesce a convertire il calore corporeo in corrente elettrica.
Denominato Power Felt, questa tecnologia che sfrutta quello che è conosciuto come Effetto Seebeck, utilizza le differenze di temperatura tra l'esterno e il corpo umano per creare energia elettrica.
Composto di minuscoli nanotubi in carbonio racchiusi in fibre flessibili di plastica, il materiale è stato progettato proprio come un tessuto e per questo motivo il Power Felt può essere impiegato in molti modi: ad esempio, da un uso sportivo, ovvero per alimentare gli strumenti con cui si possono monitorare le prestazioni degli atleti, ad uno medico, ovvero per monitorare costantemente i pazienti.
A onor del vero esistono già in commercio dispositivi termoelettrici (ad esempio in frigoriferi portatili e in dispositivi di raffreddamento della CPU dei computer), ma questi utilizzano un composto come tellururo di bismuto che, però, arriva a costare qualcosa come mille dollari al chilo.
Power Felt, invece, sebbene meno efficiente dal punto di vista energetico, dovrebbe essere molto meno costoso e, dunque, potrebbe avere una maggiore diffusione.
Così i ricercatori proseguono e, a quanto sembra, stanno per applicare la loro tecnologia ad una giacca con cui si dovrebbe riuscire ad alimentare un iPod.





Galleria fotografica

 


 

Argomenti: tessuto termoelettrico, produrre energia elettrica calore corpo umano, Power Felt, Effetto Seebeck

 

 

 

 

 

 

 
 

Impronta Ecologica è una testata giornalistica registrata al Tribunale di Parma (Reg. n. 14 del 27/10/2000)

Pubblicità su Impronta Ecologica  |  Comunicati Stampa  |  Redazione  |  Mappa del sito  |  Privacy e Cookie Policy  |  Dati Sociali

2000-2016©Impronta Ecologica

Licenza Creative Commons