Energia dal sole: cresce il fotovoltaico in Italia

 

 

Energia dal sole: cresce il fotovoltaico in Italia

Secondo il rapporto "Solar Generation 2010" pubblicato da Greenpeace International e EPIA (Associazione Europea delle Industrie Fotovoltaiche) entro il 2020 l'energia solare soddisferà il 5% del fabbisogno elettrico mondiale e il 9% della domanda globale di energia elettrica al 2030.

Domenico Belli, responsabile della campagna Energia e Clima di Greenpeace, spiega: "Il solare fotovoltaico è una soluzione che risponde all'esigenza urgente di produrre energia pulita e rispettosa dell'ambiente. Gli investimenti mondiali sul solare fotovoltaico hanno raggiunto il record di 35 miliardi di euro nel 2009 e si prevede di arrivare a 70 miliardi nel 2015. L'Italia è tra i Paesi più attivi con quasi un miliardo d"investimenti".

Dal 2007 a oggi, il costo dei moduli fotovoltaici è sceso del 40% e nei prossimi cinque anni scenderà ancora della stessa percentuale e questo farà sì che il prezzo dell'energia prodotta dal solare potrà competere con quello delle altre fonti energetiche.

Il fotovoltaico nei prossimi anni diventerà una realtà per la maggior parte dei Paesi industrializzati, dove il costo dell'energia è sempre molto alto, ma sarà determinante anche nei Paesi in via di sviluppo. è previsto, infatti, che entro il 2030 oltre 2,5 miliardi di persone potranno accedere all'energia elettrica grazie al fotovoltaico.

Tra l'altro, è stato calcolato che per ogni Kwh prodotto dai pannelli corrisponde un risparmio di 0,6 Kg di anidride carbonica immessa in atmosfera. A questo proposito Belli afferma: "Il solare fotovoltaico si dimostra una tecnologia chiave nella lotta al cambiamento climatico che assicura l'accesso diffuso all'energia da fonti rinnovabili. I miglioramenti tecnologici e l'abbassamento dei costi faranno raddoppiare entro 5 anni l'incidenza del fotovoltaico nella fornitura di energia primaria".

Il fotovoltaico, inoltre, oltre ai benefici ambientali, è sempre più importante sia come strumento di stabilizzazione dei costi energetici, sia come creatore di nuova occupazione. Secondo un rapporto Ires/Cgil, infatti, in Italia, a metà del 2009 gli occupati nel settore erano circa 6.000 e, a oggi, se ne calcolano circa 10.000.





Galleria fotografica

 


 

Argomenti: ecologia, ambiente, sostenibilità, energie rinnovabili, risparmio energetico, edilizia sostenibile, fotovoltaico, biomasse, impronta ecologica

 

 

 

 

 

 

 
 

Impronta Ecologica è una testata giornalistica registrata al Tribunale di Parma (Reg. n. 14 del 27/10/2000)

Pubblicità su Impronta Ecologica  |  Comunicati Stampa  |  Redazione  |  Mappa del sito  |  Privacy e Cookie Policy  |  Dati Sociali

2000-2016©Impronta Ecologica

Licenza Creative Commons