Ecosistemi: il valore (economico) della natura e delle risorse

 

 

Ecosistemi: il valore (economico) della natura e delle risorse

Secondo un rapporto "'The Economics of Ecosystems and Biodiversity' (TEEB) delle Nazioni Unite presentato alla conferenza ONU sulla biodiversita a Nagoya, in Giappone, ogni ecosistema e/o risorsa ha un prezzo. Infatti, nel rapporto è indicato il valore di ciò che la natura produce e fornisce ogni anno alla società umana e il costo della sua distruzione per mano dell'uomo.

Ad esempio, il valore dei benefici portati all'uomo dalle barriere coralline si aggira tra i 30 e i 172 miliardi di dollari: la distruzione delle barriere coralline non influisce, infatti, soltanto sull'ecosistema marino, ma su tutte le comunità che vivono vicino a barriere e dipendono da questo ecosistema. Dallo studio risulta, inoltre, che gli insetti siano ancora più preziosi poichè il loro lavoro d'impollinatori nei campi e nelle coltivazioni di tutto il mondo varrebbe fino a 214 miliardi di dollari. Ma nonostante questi doni "naturali", l'uomo ogni anno riesce a sperperare cifre enormi distruggendo la natura: i danni inflitti a molti ecosistemi nel mondo si aggirerebbero, ogni anno, tra i 2 e i 4,5 trilioni di dollari.

A tale proposito, il banchiere indiano a capo dello studio, Pavan Sukhdev dice che finchè resterà nascosto, il prezzo della natura non sarà preso in considerazione dai governi del mondo mentre, calcolare il valore della biodiversità può servire a sviluppare politiche più efficaci per proteggerla.





Galleria fotografica

 


 

Argomenti: ecologia, ambiente, sostenibilità, energie rinnovabili, risparmio energetico, edilizia sostenibile, fotovoltaico, biomasse, impronta ecologica

 

 

 

 

 

 

 
 

Impronta Ecologica è una testata giornalistica registrata al Tribunale di Parma (Reg. n. 14 del 27/10/2000)

Pubblicità su Impronta Ecologica  |  Comunicati Stampa  |  Redazione  |  Mappa del sito  |  Privacy e Cookie Policy  |  Dati Sociali

2000-2016©Impronta Ecologica

Licenza Creative Commons