Cresce negli USA il fenomeno dei ladri di... oli usati

 

 

Cresce negli USA il fenomeno dei ladri di... oli usati

Se pensate alla classica bufala che fa sorridere, tenetevi forte e siate pronti a ricredervi perché negli Stati Uniti i ladri girano per i retro dei ristoranti a caccia di... olio da cucina usato.
Per farci che?, vi domanderete. Semplice: per poterlo rivendere ad aziende (compiacenti) che lo riciclano rivendendo poi sotto forma di biodiesel.
In generale, in America i ristoranti incaricano un'apposita società per recuperare gli oli utilizzati nelle loro cucine e per questo vengono addirittura pagati (poco meno di un dollaro al litro).
È chiaro, dunque, l'interesse economico che inevitabilmente si è venuto a creare con questi scarti: tanto per fare un esempio, solo nel corso di quest'anno un ristoratore del Missouri si è visto rubare l'equivalente di circa duemila dollari.
Un fenomeno, quello dei ladri di oli usati, per il quale i singoli Stati dell'Unione stanno cominciando a legiferare nuove pene più severe della "banale" multa che fino a poco tempo fa la polizia poteva elevare a chi veniva beccato a rubare.
L'esempio più eclatante viene dalla Virginia dove i malviventi colti in flagrante sono stati accusati di furto con scasso, furto aggravato, furto aggravato a scopo di spaccio e distruzione di proprietà.
Davvero niente male per un po' di olio usato...





Galleria fotografica

 


 

Argomenti: ladri olio usato, rubare olio usato cucina, biocarburanti con olio usato, biodiesel

 

 

 

 

 

 

 
 

Impronta Ecologica è una testata giornalistica registrata al Tribunale di Parma (Reg. n. 14 del 27/10/2000)

Pubblicità su Impronta Ecologica  |  Comunicati Stampa  |  Redazione  |  Mappa del sito  |  Privacy e Cookie Policy  |  Dati Sociali

2000-2016©Impronta Ecologica

Licenza Creative Commons