Come ti riciclo un container per farci una pizzeria mobile

 

 

Come ti riciclo un container per farci una pizzeria mobile

Sebbene stiamo parlando di uno dei simboli del nostro Belpaese nel mondo, siamo spiacenti: l'idea non è né italiana né di un nostro connazionale, ma viene da oltreoceano.
Ad averla avuta, infatti, è un certo John Darsky che ha montato su uno chassis di un camion un normalissimo container che poi ha allestito in una vera e propria pizzeria mobile.
Realizzato con una delle due fiancate completamente a vista così da far "sbirciare" i clienti e far vedere loro come si prepara la vera pizza napoletana, la pizzeria mobile è strutturata su due livelli: quello più basso per le ordinazioni e la cassa, mentre al secondo trova posto il forno a legna
che è assolutamente made in Italy.
A John, che ha dato alla sua pizzeria il nome Del Popolo, gli sono serviti oltre 180 mila dollari (di cui oltre 5 mila per il solo forno) per realizzare la sua idea, ma a conti fatti, visto il successo che sta riscuotendo in giro per il Paese, pare proprio che agli americani piaccia, così come le sue pizze.
Anche perché sembra che per gli ingredienti John utilizzi solo prodotti biologici della zona in cui il suo truck si trova a transitare.
Come dire, non proprio la vera pizza napoletana al 100%, ma comunque un alimento genuino e (quasi) a chilometro zero.





Galleria fotografica

 


 

Argomenti: pizzeria mobile, pizzeria Del Popolo, pizzeria chilometri zero

 

 

 

 

 

 

 
 

Impronta Ecologica è una testata giornalistica registrata al Tribunale di Parma (Reg. n. 14 del 27/10/2000)

Pubblicità su Impronta Ecologica  |  Comunicati Stampa  |  Redazione  |  Mappa del sito  |  Privacy e Cookie Policy  |  Dati Sociali

2000-2016©Impronta Ecologica

Licenza Creative Commons