Clima che cambia: di questo passo perderemo gli orsi polari e saremo invasi dalle zanzare

 

 

Clima che cambia: di questo passo perderemo gli orsi polari e saremo invasi dalle zanzare

Guai in vista per gli animali che vivono al freddo perché, secondo quanto scritto in un nuovo report del WWF dal titolo Biodiversità e cambiamenti climatici, l'aumento della temperatura terrestre sta avendo ripercussioni che mettono a serio rischio la loro sopravvivenza.
E se potrebbero presto scomparire animali come il leopardo delle nevi, l'orso polare e lo stambecco, vero è che al loro posto potrebbero subentrare (e abbondare) zanzare, meduse e parassiti tipo il punteruolo rosso (il killer delle palme) e le zecche proprio perché a queste creature il caldo piace davvero.
Lo scenario disegnato dall'aumento delle temperature potrebbe dunque consegnarci - si legge nel rapporto - un Pianeta invaso da specie adattabili e invasive.
Per fuggire al riscaldamento del Pianeta diverse specie di animali e piante (all'incirca l'84% di quelle che vivono in ambienti aridi) già ora stanno spostando i loro areali di distribuzione.
Purtroppo, però, per le specie d'alta quota non esistono vie di fuga, così che proprio la riduzione dei ghiacciai e dei periodi di innevamento sta minacciando molte di queste specie alpine.
Dal canto loro anche gli oceani rappresentano un altro ecosistema ad alto rischio: l'aumento di anidride carbonica delle acque, infatti, unito all'aumento delle temperature, produce una vera e propria acidificazione che sta inevitabilmente infliggendo molteplici danni, in primis alla barriera corallina che potrebbe scomparire entro il 2050 se questo trend dovesse perdurare.





Galleria fotografica

 


 

Argomenti: cambiamenti climatici, rischio estinzione animali freddi, leopardo delle nevi, orso polare, stambecco

 

 

 

 

 

 

 
 

Impronta Ecologica è una testata giornalistica registrata al Tribunale di Parma (Reg. n. 14 del 27/10/2000)

Pubblicità su Impronta Ecologica  |  Comunicati Stampa  |  Redazione  |  Mappa del sito  |  Privacy e Cookie Policy  |  Dati Sociali

2000-2016©Impronta Ecologica

Licenza Creative Commons