Clean Up Day, il modo più responsabile (e intelligente) per tenere pulito il proprio Paese

 

 

Clean Up Day, il modo più responsabile (e intelligente) per tenere pulito il proprio Paese

Non c'è che dire, in Australia hanno fatto davvero sul serio.
Nella sola giornata di domenica 6 marzo, un popolo di 500 mila volontari si è ritrovato in oltre 7.400 località del Paese per partecipare alla ventunesima edizione del Clean Up Day, la giornata dedicata alla raccolta dei rifiuti raccogliendo, nel complesso, qualcosa come 16 mila tonnellate di spazzatura, in particolare bottiglie e contenitori per le bevande e mozziconi di sigaretta.
Quest'anno l'eco esercito si è concentrato in modo particolare nella regione del Queensland che è stato devastata dal ciclone Yasi: in oltre di 23 mila persone hanno, infatti, contribuito a ripulirne i parchi, le piste ciclabili, le sponde dei ruscelli e le spiagge.
Ma non è finita qui: a Newcastle, a nord di Sydney, fra i volontari si sono ritrovati anche diversi sommozzatori che si sono immersi nel fondo del porto per recuperare bottiglie rotte, sedie, canne e lenze da pesca e una bicicletta.
Quando si dice volere è potere...





Galleria fotografica

 


 

Argomenti: ecologia, ambiente, sostenibilità, energie rinnovabili, risparmio energetico, edilizia sostenibile, fotovoltaico, biomasse, impronta ecologica

 

 

 

 

 

 

 
 

Impronta Ecologica è una testata giornalistica registrata al Tribunale di Parma (Reg. n. 14 del 27/10/2000)

Pubblicità su Impronta Ecologica  |  Comunicati Stampa  |  Redazione  |  Mappa del sito  |  Privacy e Cookie Policy  |  Dati Sociali

2000-2016©Impronta Ecologica

Licenza Creative Commons