Carburante dalle pigne? Si può fare...

 

 

Carburante dalle pigne? Si può fare...

Le tre società multinazionali Cargill, Shell e Honda (esponenti rispettivamente del mondo dell'agricoltura, del petrolio e dell'industria automobilistica) sono gli investitori di riferimento della Virent, azienda che ha sviluppato un biocarburante che è praticamente l'equivalente molecolare della benzina.
Il traguardo è decisamente significativo perché la materia prima di base è costituita da i rifiuti non alimentari del pino e del mais (come le foglie e gli steli rimasti dalla raccolta).
Fino ad oggi, tutto il materiale vegetale legnoso non ha mai trovato impiego nello sviluppo dei biocarburanti poiché la lignina, di cui è composta la parete cellulare degli alberi, è sempre stato un elemento difficile e molto costoso da separare.
Ma la Virent, con l'aiuto del National Renewable Energy Laboratory, ha studiato e sviluppato un processo economico ed estremamente efficace tanto che il risultato finale è un prodotto (che l'azienda chiama Bioformate) che per il numero di ottani può sostituire tranquillamente la benzina.
Che la "guerra" tra l'industria petrolifera e quella dei biocarburanti stia per...infiammarsi?





Galleria fotografica

 


 

Argomenti: biocarburanti, Virent, Bioformate, lignina, carburante pigne, Cargill, Shell, Honda, scarti pino mais,

 

 

 

 

 

 

 
 

Impronta Ecologica è una testata giornalistica registrata al Tribunale di Parma (Reg. n. 14 del 27/10/2000)

Pubblicità su Impronta Ecologica  |  Comunicati Stampa  |  Redazione  |  Mappa del sito  |  Privacy e Cookie Policy  |  Dati Sociali

2000-2016©Impronta Ecologica

Licenza Creative Commons