Apple deposita il brevetto per schermi che producono energia col sole e il movimento

 

 

Apple deposita il brevetto per schermi che producono energia col sole e il movimento

Apple ha appena depositato la richiesta di brevetto di un sistema di alimentazione dei dispositivi elettronici integrato nello schermo che permetterebbe di produrre energia contemporaneamente sia catturando e convertendo la luce, sia sfruttando il movimento delle dita sul touch screen.
Da quel poco che ancora si sa, l'innovativo schermo sarebbe insomma dotato di un microscopico pannello fotovoltaico in grado di operare sia in pura modalità solare, sia in modalità di rilevamento ottico.
In pratica quando rileva un oggetto che si avvicina al display, come ad esempio un dito, il pannello passa a quella che gli ingegneri hanno denominato "modalità di rilevamento capacitivo" e ne sfrutta il movimento per produrre energia.
Si capisce chiaramente che si tratta di un progetto estremamente complesso su cui gli ingegneri dell'azienda di Cupertino, in California (Stati Uniti), hanno lavorato e stanno ancora lavorando da ben quattro anni.
Ad ogni modo la richiesta di brevetto segna un passo molto importante nello sviluppo e nella realizzazione di questa avveniristica tecnologia anche se, almeno per il momento, sembra esserci ancora un grande problema da risolvere che frena gli entusiasmi, il costi estremamente elevati.
Ci vorrà quindi ancora un po' di tempo prima che i milioni di possessori di iPad, iPhone e iPod potranno usare i loro sofisticati dispositivi senza dover più preoccuparsi di collegarli alla presa elettrica per ricaricarli.





Galleria fotografica

 


 

Argomenti: iPhone solare, alimentazione solare iPhone, iPhone energia solare

 

 

 

 

 

 

 
 

Impronta Ecologica è una testata giornalistica registrata al Tribunale di Parma (Reg. n. 14 del 27/10/2000)

Pubblicità su Impronta Ecologica  |  Comunicati Stampa  |  Redazione  |  Mappa del sito  |  Privacy e Cookie Policy  |  Dati Sociali

2000-2016©Impronta Ecologica

Licenza Creative Commons