Anche il muschio tra le possibili fonti di energia pulita

 

 

Anche il muschio tra le possibili fonti di energia pulita

Il muschio, che tanto viene usato a Natale nei presepi ma che è, al tempo stesso, considerato una minaccia dai giardinieri che lo vogliono debellare dai loro prati, è ora al centro dell'attenzione degli scienziati di tutto il mondo che stanno cercando di capire, esattamente come avviene per le alghe o le altre piante, se e come può essere come fonte di energia rinnovabile per il futuro.
E sembra che qualcosa di concreto si stia muovendo: un team di progettisti e scienziati dell'Università di Cambridge (tra cui Alex Driver, Carlos Peralta e l'italiano Paolo Bombelli) ha, infatti, presentato al recente London Design Festival una nuova tecnologia chiamata BioFotovoltaica (BPV) che utilizza il processo di fotosintesi dei muschi per generare energia elettrica.
A dir la verità si tratta solo di un primo prototipo in grado di alimentare piccoli dispositivi elettronici, ma stando ai ricercatori questa tecnologia può, nei prossimi dieci anni, competere con tutte le altre per la produzione di energia.
Il principio ispiratore è quello che più affascina e incuriosisce l'uomo, ovvero la fotosintesi mediante la quale le piante riescono a trasformare l'anidride carbonica in ossigeno e altri composti organici (quali, ad esempio, carboidrati, proteine e lipidi utili per la loro crescita) grazie alla sola luce del sole.
Grazie a questo processo si è scoperto che i muschi rilasciano nel terreno alcuni di questi composti organici i quali contengono a loro volta batteri simbionti che producono elettroni.
Il poche parole il progetto dal team dell'Università di Cambridge mira proprio a catturare questi elettroni per produrre in corrente elettrica e sembra che ci siano riusciti.
Davvero una bella scoperta...





Galleria fotografica

 


 

Argomenti: fonti energia rinnovabile, muschio, BioFotovoltaica, Biophotovoltaic, Università Cambridge, Alex Driver, Carlos Peralta, Paolo Bombelli, energie rinnovabili, fotosintesi, batteri simbionti

 

 

 

 

 

 

 
 

Impronta Ecologica è una testata giornalistica registrata al Tribunale di Parma (Reg. n. 14 del 27/10/2000)

Pubblicità su Impronta Ecologica  |  Comunicati Stampa  |  Redazione  |  Mappa del sito  |  Privacy e Cookie Policy  |  Dati Sociali

2000-2016©Impronta Ecologica

Licenza Creative Commons