Ambiente: in Europa crollano le emissioni nocive

 

 

Ambiente: in Europa crollano le emissioni nocive

La AEA (l'Agenzia Europea per l'Ambiente) ha accertato che, anche a seguito della recessione economica, nel 2009 le emissioni nei paesi dell'Unione sono scese a -17,3% rispetto al 1990. Impressionante il calo registrato nel corso di un solo anno con un -6,9% rispetto al 2008. L'Agenzia è convinta però che la crisi sia solo una delle ragioni che hanno portato al crollo nei consumi energetici e che un'eventuale ripresa economica porterebbe a cali meno vistosi nelle emissioni, ma difficilmente a un'inversione di tendenza.

Insomma, l'obiettivo di riduzione entro il 2020 del 20% dei gas serra stabilito dalla direttiva UE 20-20-20, è davvero alla portata con quasi un decennio d'anticipo, tanto che si sta facendo strada la proposta di portare l'obiettivo al 30%.

"È vero che la recessione ha contribuito a far scendere le emissioni - ha commentato Maria Grazia Midulla, responsabile clima ed energia del Wwf - ma le emissioni europee scendono da diversi anni, anche prima della crisi. L'economia si riprenderà proprio grazie alle nuove industrie a bassa emissione di carbonio, e non agli inquinatori del passato. In tutto questo l'Italia deve rendendosi portavoce delle istanze più retrive dell'industria parassitaria. L'Europa deve scrivere -30% sull'accordo di Copenaghen e considerare un aumento al -40% perchè sono questi i livelli di riduzione necessari per rimanere al di sotto dei 2°C di aumento medio della temperatura globale rispetto all'età preindustriale".





Galleria fotografica

 


 

Argomenti: ecologia, ambiente, sostenibilità, energie rinnovabili, risparmio energetico, edilizia sostenibile, fotovoltaico, biomasse, impronta ecologica

 

 

 

 

 

 

 
 

Impronta Ecologica è una testata giornalistica registrata al Tribunale di Parma (Reg. n. 14 del 27/10/2000)

Pubblicità su Impronta Ecologica  |  Comunicati Stampa  |  Redazione  |  Mappa del sito  |  Privacy e Cookie Policy  |  Dati Sociali

2000-2016©Impronta Ecologica

Licenza Creative Commons