Ambiente verde: basta al legname illegale dal Camerun

 

 

Ambiente verde: basta al legname illegale dal Camerun

È stato siglato a Bruxelles un accordo per cui, entro luglio del 2012, tutte le spedizioni di legname e derivati, in arrivo dal Camerun nell'Unione Europea, dovranno essere provviste di una licenza da cui risulti l'origine legale. L'accordo finalmente raggiunto aiuta a combattere il traffico di legname fuorilegge e la deforestazione difendendo così i polmoni verdi della Terra. "Questa intesa - ha detto Andris Piebalgs, commissario europeo allo Sviluppo - contribuirà allo sviluppo economico e ad alleviare la povertà del Camerun, ma andrà anche a beneficio dei consumatori europei, che potranno contare sulla garanzia sull'origine dei prodotti, come i mobili". Il ministro delle Foreste e della fauna del Camerun, Elvis Ngolle Ngolle ha aggiunto: "Non si tratta solo di un impegno contro lo sfruttamento illegale delle nostre foreste, ma anche di mettere fine al commercio fuorilegge, che ne è la causa". Il Paese africano è uno dei principali esportatori di legno tropicale nell'Unione Europea e ben l'80% è destinato all'Italia. L'accordo suddetto, prevede, dunque che l'Unione europea dia libero accesso a tutti i prodotti di legname provenienti dal Camerun, provvisti però di garanzia. Per questo, il Paese africano ha avviato un sistema nazionale di controllo sui prodotti venduti all'Unione Europea e non solo.





Galleria fotografica

 


 

Argomenti: ecologia, ambiente, sostenibilità, energie rinnovabili, risparmio energetico, edilizia sostenibile, fotovoltaico, biomasse, impronta ecologica

 

 

 

 

 

 

 
 

Impronta Ecologica è una testata giornalistica registrata al Tribunale di Parma (Reg. n. 14 del 27/10/2000)

Pubblicità su Impronta Ecologica  |  Comunicati Stampa  |  Redazione  |  Mappa del sito  |  Privacy e Cookie Policy  |  Dati Sociali

2000-2016©Impronta Ecologica

Licenza Creative Commons