Guai in vista per colpa de El Niño, quest'anno previsto fra i tre più forti di sempre

 

 

Guai in vista per colpa de El Niño, quest'anno previsto fra i tre più forti di sempre

Gravi siccità, ma anche inondazioni devastanti che avranno pesanti ripercussioni sull'agricoltura, la pesca, l'acqua e la salute di tutti gli esseri viventi, non solo dell'uomo: sono queste solo alcune delle ricadute de El Niño di quest'anno, il fenomeno climatico che si verifica periodicamente nell'Oceano Pacifico centrale tra dicembre e gennaio e che, con leggero anticipo, sta già avendo un impatto negativo su tutti i Paesi della fascia tropicale e subtropicale dal Kenya all'Indonesia all'Amazzonia.
Ma questa non è la notizia peggiore: a preoccupare gli esperti c'è il fatto che quello di quest'anno sarà una delle tre correnti più forti degli ultimi 15 anni.
A dirlo il nuovo rapporto dell'Organizzazione Mondiale della Meteorologia (WMO) che fa capo alle Nazioni Unite, secondo cui i Paesi a rischio sono certamente più preparati rispetto agli anni passati, anche se rimane difficile prevedere con esattezza il reale concreto impatto che El Niño avrà.
In particolare quello che i ricercatori prevedono è un innalzamento della temperatura della superficie dell'oceano di 2,4 gradi centigradi sopra la media, fatto che causerà fenomeni estremi come piogge torrenziali o forti siccità con conseguenze disastrose sull'ambiente e sulle attività umane.
"Siamo preparati meglio di quanto non lo siamo mai stati. Le nazioni più colpite - ha detto il segretario generale del WMO, Michel Jarraud - stanno facendo piani per gli impatti su settori come l'agricoltura, la pesca, l'acqua e la salute, e stanno implementando campagne di gestione dei disastri per salvare vite e minimizzare i danni economici. Tuttavia, questo evento si sta giocando in un territorio inesplorato: il nostro pianeta si è modificato notevolmente a causa del cambiamento climatico. Questo fenomeno naturale e il cambiamento del clima indotto dall'uomo possono interagire e modificarsi a vicenda in modi che non abbiamo mai sperimentato prima".





Galleria fotografica

 


 

Argomenti: El Niño, cambiamenti climatici, impatto ambiente El Niño, danni El Niño, previsione intensità El Niño 2015

 

 

 

 

 

 

 
 

Impronta Ecologica è una testata giornalistica registrata al Tribunale di Parma (Reg. n. 14 del 27/10/2000)

Pubblicità su Impronta Ecologica  |  Comunicati Stampa  |  Redazione  |  Mappa del sito  |  Privacy e Cookie Policy  |  Dati Sociali

2000-2016©Impronta Ecologica

Licenza Creative Commons