Un'alleanza internazionale per combattere il crimine forestale globale

 

 

Un'alleanza internazionale per combattere il crimine forestale globale

L'Interpol e le Nazioni Unite hanno unito le forze per promuovere un'iniziativa con cui contrastare il crimine mondiale condotto sulle foreste.
In particolare il progetto ha come obiettivo tutte quelle attività criminali condotte nel disboscamento e nel traffico illegale di legname, ma fornirà anche un supporto alle forze di Polizia nei Paesi con maggiori problemi.
David Higgins, direttore dell'Interpol Environmental Programme Crime, ha affermato che il disboscamento illegale non è più solo un problema che interessa i singoli Stati e ha aggiunto: "La normativa internazionale che è stata definita a protezione delle foreste è la chiara dimostrazione. Questo progetto farà in modo che tutte queste leggi globali vengano rispettate e che i criminali responsabili di questi reati siano assicurati alla giustizia a prescindere dalla loro posizione, i movimenti o le risorse".
LEAF (Law Enforcement Assistance for Forests, questo il significato acronimo) vede la partnership del Programma per l'Ambiente delle Nazioni Unite (UNEP) con l'Interpol e con i finanziamenti dell'Agenzia norvegese per la Cooperazione allo Sviluppo.





Galleria fotografica

 


 

Argomenti: lotta disboscamento globale, traffico illegale legname, Law Enforcement Assistance for Forests

 

 

 

 

 

 

 
 

Impronta Ecologica è una testata giornalistica registrata al Tribunale di Parma (Reg. n. 14 del 27/10/2000)

Pubblicità su Impronta Ecologica  |  Comunicati Stampa  |  Redazione  |  Mappa del sito  |  Privacy e Cookie Policy  |  Dati Sociali

2000-2016©Impronta Ecologica

Licenza Creative Commons